Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 7
 
 


2001,
Numero 7

EGUAGLIANZA DELLA LIBERTÀ

di Salvatore Veca

La nozione di agente morale è circondata, nella teoria contrattualistica della giustizia come equità, da un alone kantiano. Forse, è un caso esemplare di variazione su un tema dell'etica di Kant: un'etica centrata sull'idea di mutuo rispetto fra persone che si riconoscono come fini a se stesse. L'interpretazione dell'eguaglianza morale è su questo sfondo quella che mette a fuoco la nostra eguale dignità in quanto agenti morali. E la nozione di dovere morale può essere meglio illuminata dalla connessione con l'idea di mutuo rispetto incorporata nei modi del riconoscersi come membri di un regno dei fini: questa, potremmo dire, è la risposta kantiana alla domanda su ciò che è dovuto alle persone per ragioni di giustizia. In ogni caso, una moralità dei diritti affonda le sue radici in questa dimensione della reciprocità dei riconoscimenti fra agenti. Così, i meccanismi dell'esclusione e dell'umiliazione, i fatti dell'ingiustizia, sono intrinsecamente i responsabili della rottura e della lacerazione dei vincoli di reciprocità. L'interpretazione dell'eguaglianza morale che è favorita da una moralità utilitaristica è alternativa a quella kantiana centrata sulla dimensione dell'agente: ciò...