Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 4
 
 


2001,
Numero 4/5

UNA NEMESI STORICA

di Ruggero Puletti

La data del 13 maggio 2001 Ŕ destinata ad essere ricordata nella storia del nostro Paese, e non solo per aver visto la vittoria della Casa delle LibertÓ (CentroDestra) sull'Ulivo (CentroSinistra). Se si riflette sulla grave sconfitta dei Democratici di Sinistra (poco pi¨ del 16%) e al fatto che nel nuovo governo ricopre l'incarico di Vice Presidente unico, il Presidente di Alleanza Nazionale, Gianfranco Fini, si comprenderÓ che la forte incidenza dell'antifascismo ha perduto gran parte del suo valore ideologico e che, finalmente, ci si trova davanti ad una vera e propria alternanza democratica. Questa non oper˛ mai, neppure quando la DC era il partito che governava il Paese e il PCI monopolizzava l'opposizione. Si era infatti trovata un'accorta politica dei contrappesi: la Democrazia Cristiana lasciava al Partito Comunista la gestione amministrativa di alcune grandi cittÓ e gli riservava la presidenza di una delle due assemblee legislative. Secondo questo modo di procedere Pietro Ingrao, prima, Nilde Iotti, dopo, ricoprirono l'incarico di Presidente della Camera dei Deputati. Nacque cosý il consociativismo che dur˛ per l'intero corso della Prima Repubblica e che popolarmente e con ...