Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 4
 
 


2001,
Numero 4/5

PER UNA FEDERAZIONE LAICA

di Giovanni Cominelli

Un primo dato di novità è che il bipolarismo avanza ormai celermente. La misura del consenso a ciascuno dei due Poli non è cambiata di molto dal 1996 ad oggi e neppure l'inversione dei rapporti di forza è stata così radicale. Lo confermano i risultati delle amministrative nelle grandi città. Ciò che è cambiato è la struttura politica del bipolarismo. Avevamo chiesto ai cittadini, lo scorso anno, di abolire la quota proporzionale del sistema elettorale. Si sono rifiutati di farlo. Neppure il 13 maggio 2001 l'hanno abolita, perché non era nella loro disponibilità, ma hanno abolito elettoralmente tutti i partiti (salvo Rifondazione) che stanno sotto il 10%, i partiti che puntavano sulla quota proporzionale sia per pesare all'interno dei due Poli sia per esistere all'esterno dei due Poli. Noi continuiamo imperterriti a recitare la giaculatoria dei 44 partiti, impigliati come siamo nella nostra propaganda. Ma i cittadini italiani vedono altro: due leader, uno di governo e uno di opposizione, il primo tiene insieme Forza Italia, An, Lega, Biancofiore, il secondo "guida" Ds, Margherita (la quale a sua volta è composta da soli due partiti veri: Popolari e Democratici), e un exGirasole, c...