Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 4
 
 


2001,
Numero 4/5

REGOLE CERTE CONGRESSO A TESI

di Stefano Carluccio

Per poter affrontare con serenità e con realismo l'esame del risultato del nostro impegno della campagna elettorale e la situazione politica ed organizzativa in cui si trova oggi il Nuovo PSI, sento la necessità di rimuovere un pregiudizio ed un falso presupposto. Il pregiudizio è di carattere personale, il falso presupposto è di natura politica. Mi trovo purtroppo ad utilizzare le pagine della Critica Socialeper chiarire una vicenda che riguarda me stesso, cosa che trovo in generale di cattivo gusto, poiché come responsabile del partito a Milano ho il dovere di rendere conto ai compagni della mancata presentazione della lista socialista nella circoscrizione Lombardia 1 per la Camera, e perché devo a me stesso e ai compagni il diritto di interrompere il linciaggio settario che intossica i nostri rapporti. Rimuovo dunque ogni pregiudizio nei miei confronti con un resoconto di quanto è accaduto. Spero che questo serva ad ottenere un'attenzione agli argomenti che intendo esporre non distratta da questioni personali, ma unicamente indirizzata ai fatti oggettivi. Il secondo punto, e cioè il falso presupposto, riguarda il nostro effettivo ruolo svolto per contribuire alla sconfitta della...