Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 2
 
 


2001,
Numero 2/3

LIBERALE, LIBERTARIO

di Federico Borio

Ivalori della legalità, della fratellanza fra gli uomini, del riconoscimento delle minoranze devono essere il mattone fondamentale di costruzione di questo tempio della nostra vita. Credo che Milano abbia bisogno di un risveglio, un risveglio che porti realmente a una solidarietà sociale, a un riformismo esecutivo e raggiungibile con piccoli passi, ma dai grandi progetti. Ho vissuto a Milano per tanti anni, mi sono formato da uomo e da professionista. Deve tornare a essere la città dove tutti possono dire la loro, dove tutti abbiano la loro volontà di fare e di agire nel rispetto di tutti. Penso soprattutto a quelle famiglie che vivono nella periferia di Milano. Milano è fatta non di un centro ma di tanti piccoli centri. La rivalutazione deve essere fatta soprattutto in una sinergia di intenti. Milano è una città di cultura, ma non di una cultura di stato. Deve essere una cultura frizzante dove i giovani talenti, grandi artisti, grandi registi devono assolutamente dare e avere spazio, ma spazio reale, non perché l'istituzione vuole darglierla ma perché loro stessi creano questo interesse fra tutti. Milano deve essere vivace, deve risvegliarsi perché è stata l'anello trainante e cat...