Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 2
 
 


2001,
Numero 2/3

PERCH╔ LE OLIMPIADI A MILANO?

di Critica Sociale

Quando vengono avanzate proposte di ospi tare grandi eventi a carattere internazionale, si alza un muro di obbiezioni e di pareri con trari: non ci sono infrastrutture sufficienti, i costi sono troppo elevati, c'Ŕ il pericolo di una nuova 'tan gentopoli', ecc? Intanto, per una ragione o per l'altra, le infrastrut ture continuano ad essere insufficienti, i quattrini vengono spesi ugualmente per investimenti minori, le poche grandi opere in costruzione si realizzano con 'tempi biblici' com'Ŕ il caso del 'passante ferro viario' (il collegamento nel sottosuolo di Milano delle FFSS, con Ferrovie Nord e con la MM) avviato nel 1984 per dar corpo ad un sistema di trasporto metropolitano regionaleIn realtÓ una grande manifestazione come l'Olim piade diventa uno stimolo per 'fare'La candidatura olimpica di Milano, per il 2008 o per il 2012, potrebbe essere una formidabile spinta per ridare slancio alla cittÓ (e alla Lombardia e ad altre cittÓ del Nord) e avviare sin d'ora una serie di inter venti infrastrutturali nel campo del trasporto pub blico e dei collegamenti staradali. Si potrebbero far partire: la 'pedemontana' collegamento stradale a nord di Milano per favorire trasversalmente la ...