Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 2
 
 


2001,
Numero 2/3

LA CITTÀ POLICENTRICA

di Critica Sociale

Milano è al centro di un'area nella quale gra vitano circa 7 milioni di persone. La città policentrica lombarda (il capoluogo più Varese, Como, Lecco, Bergamo, Lodi, Pavia) ha le dimensioni di Los Angeles,senza essere una megalo poli perché formata da poli complementari fra loroE' una grande città del mondo con un elevato svi luppo economico, con attività e funzioni di eccel lenza, che tuttavia deve colmare il ritardo nella dota zione di infrastruttureLa scala alla quale è necessario progettare le grandi opere delle comunicazioni e dei trasporti, è quella regionale, perché questa è Milano. Bisogna uscire dalla logica municipalista e superare anche i confini dell''hinterland', per sfruttare questo armonico com plesso di città che la storia ci ha dato. Il 'passante ferroviario' è stato il primo elemento di questa strategia, come lo furono, verso la fine dell'800, le Ferrovie Nord. Bisogna continuare su questa strada, progettando il secondo 'passante' (il passante attualmente in com pletamento collega sotto la città le linee ferroviarie regionali dell'est e del sud, il secondo dovrebbe colle gare quelle dell'ovest e del nord) per rendere rapidi e facili i collegamenti tra i poli lomb...