Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 2
 
 


2001,
Numero 2/3

GAROFANO E TRICOLORE

di Stefano Carluccio

La nostra presenza alle elezioni di Milano Ŕ segnata dal garofano rosso, simbolo della giustizia sociale e dal tricolore nazionale, simbolo dell'unitÓ e dell'amore per l'Italia. Ci presentiamo al di fuori dai Poli con una lista dei "Liberalsocialisti", perchŔ attorno al nucleo autonomista che si ispira al riformismo di Turati e di Craxi si sono associate personalitÓ di tradizione laica, liberale, repubblicana e radicale. Una lista autonomista e pluralista, il cui scopo Ŕ innanzitutto quello di far vivere una nuova sinistra delle libertÓ cancellata nel passato dalla falsa rivoluzione e dal bipolarismo antidemocratico. E' un'area laicosocialista che nel Paese raggiungeva quasi il 30% di influenza culturale e politica che ha permesso e voluto la grande esperienza del governo Craxi. Oggi questa sinistra riformista, laica e socialista Ŕ dispersa nell'elettorato che si astiene perchŔ non trova in questo sistema politico la possibilitÓ di dare il proprio volto al proprio voto. La sconfitta del referendum per il maggioritario puro del 21 maggio dello scorso anno, segnala un crescente malessere che tuttavia non trova un'alternativa seria. Noi mettiamo all'ordine del giorno il superamento ...