Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

L'AUTONOMIA ╚ IRRINUNCIABILE

di Claudio Martelli

Grazie per questa prova di vitalitÓ e di forza, per questa prova di serietÓ e di unitÓ. Grazie per il vostro sacrificio in questi anni e grazie per la pazienza con la quale avete atteso questo giorno. Grazie a tutti quelli che lo hanno preparato grazie a tutti quelli che si sono ritrovati. Il nostro grazie si rivolge innanzitutto al presidente della Repubblica, che con il suo messaggio ha testimoniato amore per la democrazia, per la nostra storia e rispetto per la nostra volontÓ di esistere. L'Osservatore Romanodi domani dedica una nota al nostro Congresso, tra altre considerazioni legittime ne fa una che non possiamo non commentare. Credo sia pi¨ un timore che una constatazione, il timore che nasca un partito, dice l'Osservatore Romano, un partito "dell'astio". Non Ŕ cosý. Ho imparato da un grande poeta, Goethe, che la grandezza del cristianesimo consiste proprio nel conciliare l'uomo con il dolore, e l'Osservatore Romano non deve confondere la nostra sofferenza, la nostra rabbia che diventa speranza, con l'astio. Tra noi non c'Ŕ astio e non c' Ŕ da parte nostra astio verso altri. Meriterebbero considerazioni critiche coloro i quali viceversa su di noi continuano a riversare ast...