Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

IL DESTINO DI COMBATTERE

di Stefania Craxi

Compagni, permettetemi di chiarire e chiudere una polemica. Caro Claudio, il 13 settembre del 1992 l'attacco duro e frontale di una giustizia politica contro i socialisti era giÓ stato sferrato. Tu, ministro socialista della Giustizia hai detto: "Vedo anch'io il Partito disorientato, ferito, umiliato. E per˛ trovo ingiusto, insensato, insincero dare la colpa a chi protesta, ai compagni che discutono ma testimoniano una vitalitÓ e un amore per il partito che certamente non hanno coloro che l'hanno disonorato e molti di coloro che non l'hanno curato o l'hanno curato malamente. Volevo anche dire a tutti, ma proprio a tutti, che questa sofferenza Ŕ necessaria se vogliamo riscattare il nostro onore, e che l'onore Ŕ la premessa necessaria per ritrovare l'orgoglio di essere socialisti". E' questo a cui mi riferivo quando ho detto, a domanda precisa di un giornalista, che la tua responsabilitÓ politica nell'aver aperto la breccia che ha rotto la solidarietÓ del gruppo dirigente e facilitato il lavoro di chi voleva distruggere il Psi Ŕ incancellabile. Se come credo il tuo pensiero Ŕ cambiato mi dispiace, mi dispiace sinceramente, non avevo e non ho alcuna intenzione di essere polemica e m...