Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

BUONGIORNO NUOVO PSI

di Pio Marconi

Viviamo una crisi di democrazia e di libertà fondata sulla disaffezione della politica, cito Tacito: "hanno fatto un deserto e l'hanno chiamato Seconda Repubblica". Non c'è più partecipazione, non c'è più un'organizzazione sul territorio dei partiti e delle forze politiche, cresce l'astensionismo. La democrazia ha sovranità limitata, non soltanto per scelte democratiche ma anche per scelte interne, per il crescere di una tecnocrazia irresponsabile, che si sostituisce ai poteri politici fondati sul voto popolare nella decisione politica. Abbiamo l'intervento del giudice nella politica, io credo che con l'autorità che ci viene dal parlare a questo congresso di socialisti dobbiamo esprimere la nostra solidarietà al Presidente della Regione Lombardia Formigoni, che ha subìto in questi giorni atti che non trovano spiegazione ad un'attenta lettura del Codice di Procedura Penale. Viviamo in una situazione di sovranità limitata nella quale il potere giudiziario spesso cerca di sostituirsi al potere politico; ci si dice che anche in America è così, negli Stati Uniti i pm mettono sotto accusa il capo dello Stato. Cari amici, negli Stati Uniti c'è una differenza! Negli Stati Uniti i process...