Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

DALLA PARTE DELLA LIBERT└

di Gianni De Michelis

Care amiche e cari amici, care compagne e cari compagni, il silenzio Ŕ finito. Noi ritorniamo in campo, riprendiamo il discorso lý dove l'abbiamo lasciato. Il mio compito, quindi, oggi, nel fornire una traccia e una base per la discussione che dovremo svolgere, approfittando di questa occasione straordinaria di essere qui tutti assieme per due giorni a Milano, Ŕ quello come si faceva ai nostri tempi, in un passato che forse Ŕ superato di svolgere quel compito che veniva assegnato alle relazioni dei congressi: tirare le somme, fare il bilancio del periodo che Ŕ intercorso tra allora ed oggi. Certo Ŕ stato un periodo molto lungo, molto duro per noi e quindi inevitabilmente io cercher˛ di svolgere questo compito, ovviamente con la sinteticitÓ necessaria ma anche parlando come uno di voi, come uno dei milioni dei socialisti che hanno attraversato questo deserto in questi anni, cercher˛ di trarre dalle vicende a cui abbiamo partecipato, di cui siamo stati pi¨ spesso solo spettatori, soprattutto quegli elementi che possano servirci per guardare avanti, che possano guidarci nel duro lavoro che ancora abbiamo di fronte. Una lettura sintetica, inevitabilmente parziale, ma che serva a raff...