Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

LO STESSO AMORE PER L'ITALIA

di Bobo Craxi

Dichiaro aperto il primo Congresso del Nuovo Partito Socialista Italiano. Un anno fa nel pomeriggio del 19 gennaio nella casa di Hammamet in terra di Tunisia si spegneva Bettino Craxi. Il congresso del Nuovo Partito Socialista osserva nel suo ricordo un minuto di silenzio. Egli fu per oltre quindici anni il Segretario Nazionale del Partito Socialista Italiano e ricopŕ ruoli di rilievo nazionale e internazionale, fu infatti il primo socialista nella storia repubblicana chiamato a guidare il governo della nazione, fu il governo che rimase in carica più a lungo nella storia della repubblica ed un governo che viene ricordato per i suoi successi in campo interno ed internazionale. Aumenṭ il prestigio dell'Italia nel mondo, restitú slancio e dinamismo all'economia del Paese, susciṭ interesse ed entusiasmo tra gli italiani, promosse i socialisti al rango di una forza moderna e concreta della sinistra italiana, sicura ed affidabile, e rimosse definitivamente il complesso di inferiorità dei socialisti, che vinsero a testa alta le loro sfide con la sinistra italiana e la loro battaglia che li oppose per oltre mezzo secolo alla sinistra comunista. Fu un uomo coerente e tenace e fondava la...