Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2008 >> Numero 1
 
 


2008,
Numero 1/2

I COMUNICATI "NUMERO 1" E "NUMERO 2" DELLE BR

Su questi comunicati Ŕ stata condotto uno studio filologico dal diplomatico dott. Renzo Rota, giÓ ministro plenipotenziario presso la sede di Mosca dal 1965 al 1972 e consegnato alla Commissione Moro (vedi articolo successivo)

Le Br avevano come obiettivo delle loro azioni lo scatenamento della guerra civile con il sostegno delle masse popolari. Per questo motivo curavano molto la propaganda e la diffusione dei loro programmi di intervento.
I documenti delle Br sono essenzialmente di tre tipi. Le risoluzioni strategiche sono approvate dalla direzione strategica. Sono i pi¨ corposi e contengono un'analisi politico-economicaá con i relativi obiettivi da attaccare. Le rivendicazioni sono fatte circolare dopo ogni attentato e tramite loro vengono spiegate le motivazioni, si chiarisce come si procede verso l'attuazione delle linee generali dell'organizzazione.
I comunicati vengono emessi nel corso delle operazioni di una certa durata (come i sequestri): informano sulla conduzione dell'attentato e, aproffittando dell'attenzione che i media dedicano, propagandano messaggi di carattere generale.
Durante il rapimento di Moro le Br emisero nove comunicati: il primo rivendicava il sequestro e l'ultimo ne annunciava l'esecuzione.
Sono stati raccolti in modo da proporre un quadro il pi¨ possibile completo sull'ideologia che guidava le azioni delle Brigate Rosse.
In uno studio filologico redatto spontaneamente dal diplomatico Renzo Rota si sostiene senza mezzi termini che i primi due comunicati sono stati scritti e tradotti in italiano da un russo probabilmente appartenente al Kgb.