Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2008 >> Numero 1
 
 


2008,
Numero 1/2

Senza Condizioni

di Bettino Craxi

Vedo che si torna a parlare del “Caso MORO”. Una tragedia che insegue l’Italia come un fantasma. Una tragedia carica ancora di lati misteriosi, di circostanze non chiarite, di responsabilità non definite, di posizioni che ancora oggi sembrano inspiegabili. Leggendo una sintesi di recenti dichiarazioni rese da Corrado Guerzoni, ex-segretario di Moro, alla Commissione Stragi, la mia memoria è corsa a fatti lontani nel tempo e tuttavia, più che mai incancellabili.
In queste dichiarazioni, Guerzoni, si riferisce ad una famosa frase che figura nel testo di un discorso che Papa Montini, durante il rapimento di Aldo Moro, aveva rivolto ai suoi rapitori: “Senza Condizioni”. Il Papa si appellava con accenti di disperata umanità agli “uomini delle Brigate Rosse”, con una espressione che allora fu valutata come una sorta di riconoscimento implicito, e chiedeva loro di ridare la libertà al leader democristiano, aggiungendo tuttavia “Senza Condizioni” e cioè a dire senza trattative, negoziati, contropartite di nessun genere. A quanto leggo ancora, sembra che, secondo il Guerzoni, quel testo, sarebbe stato “manipolato” e quella frase “Senza Condizioni” sarebbe stata inserita con una manipolazion...