Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2008 >> Numero 1
 
 


2008,
Numero 1/2

DAVID MILIBAND: “DIFENDERE OVUNQUE I DIRITTI UMANI"

La globalizzazione ha orientato la nuova distribuzione del potere lungo tre assi: “Da Occidente verso Oriente, dal livello nazionale al livello internazionale, e dai governi verso i cittadini.”
“Mentre si rafforza il legame tra diritti umani e valori democratici – ha sostenuto il Foreign Secretary - la realtà è una insicurezza crescente, un mix inedito di “empowerment” e insicurezza.”
di Simona Bonfante

Coreggendo la impostazione dell'ex premier Tony Blair, di cui l'attuale ministro degli esteri è stato tra i più ascoltati advisor, che focalizzava il ruolo della Gran Bretagna come ponte tra Europa e America, Miliband vede il futuro dell'Inghilterra come un "Hub globale", un incrocio mondiale: "La globalizzazione ha orientato la nuova distribuzione del potere lungo tre assi: “Da Occidente verso Oriente, dal livello nazionale al livello internazionale, e dai governi verso i cittadini.”
“Mentre si rafforza il legame tra diritti umani e valori democratici – ha sostenuto il Foreign Secretary - la realtà è una insicurezza crescente, un mix inedito di “empowerment” e insicurezza.”