Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2011 >> Numero 10
 
 


2011,
Numero 10

Le ispezioni sul lavoro in Italia e i problemi che esse mettono in luce

1909 fascicolo 20 pagina 314 (terzo di dieci articoli)
di Alessandro Schiavi

L’Italia č un paese povero, quindi analfabeta. Questa č una delle conclusioni alle quali si puň arrivare scorrendo le relazioni dell’Ispettorato del Lavoro.
Notiamo innanzitutto che, secondo le denunzie del 1907, erano occupati in stabilimenti soggetti alla legge sul lavoro delle donne e dei fanciulli:

Nel Regno:
43.635 (4,88%) fanciulli; 84.529 (9,45%) fanciulle.

Nelle Provincie non comprese nei Circoli:
7.715 (5,9%) fanciulli; 4.672 (3,6%) fanciulle.

Nel Circolo di Torino:
9.432 (4,7%) fanciulli; 16.628 (8,3%) fanciulle.

Nel Circolo di Milano:
14.215 (5,1%) fanciulli; 35.175 (12,5 %) fanciulle.

Nel Circolo di Brescia:
7.445 (3,9%) fanciulli; 24.065 (12,7%) fanciulle.

Nel Circolo di Bologna:
4.828 (5,2%) fanciulli; 3.989 (4,3%) fanciulle.

Sono oltre 120.000 fanciulli, dei quali circa il 90 per cento sono occupati nelle Provincie comprese nei Circoli di Ispezione.
Č quindi naturale che la legge si sia preoccupata di proteggere le nuove generazioni nell’epoca piů delicata del loro sviluppo e, prima di autorizzare l’entrata negli stabilimenti, abbia preteso alcune garanzie, e cioč l’etŕ non inferiore ai 12 anni, una costituzione fisica constatata dal medico sana, un alfabe...