Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

La “maledizione” della sinistra

Avanti! con il Riformista, auspicio per un nuovo corso di unità
di Gianni Cervetti

Ringrazio innanzitutto la Direzione di Critica Sociale per le sollecitazioni di questi giorni perché si trovasse una via di collaborazione tra l’Avanti! che risorge e Il Riformista che cerca di vivere nelle edicole e online, con grande fatica devo dire. Non si sa neppure in questa situazione quali saranno – faccio un cenno soltanto alla questione dei finanziamenti pubblici – le sorti che toccheranno a noi e poi alla piccola stampa perché, come si sa, Il Riformista è un piccolo foglio. Io non affronterò alcun problema politico, del resto, a proposito di attualità politica, concordo con quanto affermano sia Carlo Tognoli che Ugo Finetti. Vorrei soltanto dare una spiegazione del perché io ho visto con favore e intendo collaborare seriamente alla costruzione del rapporto tra Il Riformista e l’Avanti!. Voglio offrire una rapida spiegazione e anche esprimere una mia piccola ambizione, che forse è anche una grande presunzione.
Credo che nella storia del socialismo e nella storia della sinistra in genere, e quindi anche nella storia del Partito Comunista, e, se vogliamo, nella storia della sinistra in generale –Bruno Tabacci è ad esempio un rappresentante di una parte consistente del movim...