Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Editoriale
 
 


LA NOTTE DI OBAMA

North Carolina ed Indiana al voto. Se Obama vince, domani McCain potrebbe conoscere il nome del suo sfidante per la Casa Bianca. Clinton gioca le sue ultime carte

Data: 0000-00-00

E' il caso del magnate immobiliarista Antoin (Tony) Retzko, amico e finanziatore di Obama, accusato mesi fa di frode e corruzione, per non parlare di William Ayers, docente all'Università dell'Illinois di Chicago, che negli anni settanta militò nei Weather Underground, un gruppo terroristico autore di attentati contro caserme di polizia, il Pentagono e il dipartimento di Stato. E infine lui, il reverendo Jeremiah Wright, l'ex pastore di Obama, che nei giorni scorsi è apparso alla televisione americana per esporre spavaldamente alcuni concetti forti del suo pensiero, già illustrati in varie occasioni.

Dopo aver preso fermamente, ma dolcemente, le distanze da Wright due mesi fa con il discorso “For a More Perfect Union” di Filadelfia, questa volta Obama ha denunciato senza remore i pensieri ed i toni utilizzati dall'(ex?) amico. E' più che evidente l'incompatibilità tra il tentativo di unificare il Paese che emerge dalla retorica di Obama e gli strali contro l'America razzista ed imperialista scagliati dal reverendo. In






terrorismo   bush   israele   occidente   obama   sicurezza   afghanistan   clinton   medio oriente   diritti umani   iran   labour   democrazia   india   siria   hamas   francia   onu   america   energia   gran bretagna   brown   geopolitica   critica sociale   ahmadinejad   rubriche   blair   nato   storia   cina   usa   russia   italia   europa   sarkozy   cultura politica   mccain   berlusconi   stati uniti   politiche sociali   economia   ue   nucleare   medvedev   ambiente   putin   crisi   iraq