Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA-13 maggio

di Critica Sociale



(pagina 3)

... Burma - the case for intervention
David Aaronovitc

Lasciamo perdere lo sterile dibattito su chi ha pi¨ colpe, l'Occidente o la junta birmana. Il problema della comunitÓ internazionale non deve essere il diritto ad intervenire ma capire quando l'intervento Ŕ praticamente possibile.

LES ECHOS
Les fiŔvres nationalistes chinoises
Yann Rousseau

A tre mesi dai Giochi Olimpici di Pechino, la fierezza dei cinesi Ŕ al massimo. Le critiche occidentali contro la repressione in Tibet, il percorso caotico della fiamma olimpica in Europa e Asia e la moltiplicazione degli appelli al boicottaggio della cerimonia di apertura hanno riacceso nel paese un nazionalismo sempre incandescente. La popolazione sente che delle forze esterne tentano di sabotare la rinascita del loro paese.

ASSOCIATED PRESS
Superdelegates put Obama within mathematical reach
Stephen Ohlemacher


L'inarrestabile migrazione di superdelegati da Hillary Clinton a Barack Obama potrebbe permettere al senatore dell'Illinois di assicurarsi la nomination del Partito Democratico sin dal prossimo 3 giugno, quando si concluderanno le primarie. Per averne la certezza matematica, ad Obama basterÓ conquistare tre delle sei consultazioni rimanenti. Oggi si vota in West Virginia, dove per˛ il vantaggio della Clinton oscilla tra i trenta ed i quaranta punti percentuali. E' evidente che l'ultima mossa che lo staff della senatrice ha in animo di tentare riguarda la Florida ed il Michigan. Il 31 maggio sarÓ perci˛ il Giorno del Giudizio. Se l'apposito panel del Partito dovesse respingere il ricorso di Clinton e non assegnare i delegati dei due Stati (attenzione, la Florida Ŕ uno swing states, ovvero decisivo per le elezioni di novembre), i giochi sarebbero definitivamente chiusi e la nomination assegnata ad Obama. In caso contrario, l'ex first lady recupererebbe parte del ritardo e trascinerebbe speranzosamente la questione alla Convention di Denver.

FOREIGN POLICY
Africa Plays the Rice Card
G. Pascal Zachary

Per decenni, esperti e tecnocrati occidentali hanno magnificato agli africani le virt¨ dell'apertura commerciale. Il libero mercato avrebbe dovuto permettere all'Africa di liberarsi dalla povertÓ e dalla fame. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. E qualcuno ha cominciato a provvedere diversamente, dimostrando che un piccola dose di protezionismo non guasta. Mentre nella stragrande maggioranza dei paesi poveri il prezzo dei beni di prima necessitÓ, in particolare il riso, sta aumentando, in Uganda questo non sta avvenendo. Inoltre, il Paese sta esportando parte del suo riso nell'Africa Orientale. Qual Ŕ il segreto del successo dell'Uganda? Aver ignorato per anni i consigli degli esperti occidentali.

á





<< pagina precedente