Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, novembre 2010,

Dalla fine della guerra fredda l'ascesa della Cina è stata sicuramente tra gli eventi di maggior rilievo nell'arena politica ed economica mondiale. La crisi economica degli ultimi due anni ha convinto molti osservatori che questo fenomeno possa preludere a una redistribuzione epocale del potere sulla scena internazionale. La crisi infatti non ha segnato solo la vittoria apparente della Cina come grande potenza economica, ma ha anche prodotto una riflessione interna sul modello di sviluppo adottato e sulla proiezione esterna. Oggi la Cina sembra quindi pronta a esercitare anche sul piano geopolitico la sua forza economico-finanziaria, abbandonando il "low profile" lungamente mantenuto in politica estera. Tuttavia resta un grosso interrogativo di fondo sulla capacità cinese di giocare il ruolo di potenza egemone nel lungo periodo, a fronte dei numerosi problemi di carattere interno e della sostenibilità della propria crescita economica.

La crescita economica cinese

La Cina è la seconda potenza economica del mondo per Prodotto interno lordo assoluto nel 2009, dietro agli Stati Uniti e davanti al Giappone. Il suo peso finanziario a livello internazionale sta aumentando perché il paese sta crescendo al ritmo più sostenuto in particolare rispetto agli stati occidentali, ancora in difficoltà a causa della crisi economica e finanziaria. In Cina il Pil crescerà del 10,5 per cento (9,9 in termini reali) entro la fine del 2010, secondo le stime del Fondo monetario internazionale, contro una media mondiale dell'1,5 per cento e una europea dell'1,7 per cento nel 2010 e dell'1,5 per cento nel 2011. Stando ai calcoli del premio Nobel, Robert Fogel, entro i prossimi trent'anni la Cina raggiungerà la cifra record di un Pil da 123.000 miliardi di dollari spostando il baricentro dell'economia internazionale dall'Occidente all'area asiatica.
 

Data:





clinton   medio oriente   iran   storia   politiche sociali   terrorismo   mccain   critica sociale   ue   onu   america   occidente   blair   siria   italia   iraq   brown   obama   stati uniti   europa   diritti umani   geopolitica   crisi   democrazia   usa   nato   gran bretagna   medvedev   sicurezza   bush   putin   afghanistan   ambiente   india   energia   russia   rubriche   ahmadinejad   sarkozy   cina   economia   cultura politica   labour   israele   hamas   francia   nucleare   berlusconi