Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Il voto di Milano
foto Ricomporre o spezzare la coesione sociale
LA MORALITA' DI AMMINISTRARE,
L'AFFARISMO DELL'ANTIPOLITICA


Milano ha per sua natura la necessità di includere, di ricomporre,  di rielaborare e infine di realizzare una nuova unione. Questo valore di unità si tramanda di generazione in generazione perchè ha insegnato che permette lo sviluppo, in quanto promette benessere per tutti gli strati sociali. 
Il decoro del milanese più povero è ciò che garantisce all’imprenditore di rischiare i suoi soldi, perchè sa che investe in un habitat di coesione sociale e di lavoro.
Per questo, come ha detto Carlo Tognoli, Milano non tollera i toni aggressivi, ricordando come la sinistra milanese è sempre stata riformista e la destra liberale.  
Questa civiltà della “moralità dell’amministrare”,  questo valore di unità, è stato spezzato dal giustizialismo di Mani pulite degli anni ’92-94 e ha causato una scissione persino sociale di cui questa campagna elettorale è stata una coda.


Presentata la direzione e il piano editoriale da Macaluso e Cervetti
IL NUOVO RIFORMISTA A MILANO


Presentato nei giorni scorsi a Milano il nuovo Riformista con la direzione di Emanuele Macaluso. Il nuovo corso del giornale è stato illustrato da Gianni Cervetti e dal direttore al Teatro Puccini nel corso di una manifestazione a cui hanno preso parte centinaia di lettori e amici del quotidiano.



Le analisi alla vigilia del ballottaggio di Rino Formica e Ugo Finetti
"UN CICLO STA PER ESAURIRSI"
"DANNOSO L'ATTACCO A TREMONTI SOCIALISTA"


Formica:

"A giugno si tireranno le somme!
Un ciclo sta per esaurirsi: non è detto che si riesca a chiuderlo bene.
Nel 90/92 si determinò una situazione analoga e le forze politiche non seppero ritrovare la via del riformismo costituzionale e democratico.
Oggi lo scenario è peggiorato, ma la Nazione ha ancora un saldo e decisivo punto istituzionale: la tranquilla forza democratica   del  Capo dello Stato. Oso ripetermi nella speranza di trovare più orecchie attente di quante ne trovai nel 90/92".


Finetti:

"Lo sbandamento politico a destra del Pdl più dannoso è stato indubbiamente l’attacco a Tremonti “socialista” (coinvolgendo così gli ex Psi che stanno con Berlusconi e votano Letizia Moratti). Si è agitato un rilancio dello “spirito del '94” tutto, appunto, destra liberale e missini ignorando il fatto che la vittoria contro Occhetto fu ottenuta da Berlusconi soprattutto grazie all’elettorato democristiano e socialista. All’attacco a Tremonti si sono poi aggiunte inopportune contestazioni della Moratti, dando l’impressione che nel Pdl - tra i “fedelissimi” di Berlusconi - stesse prevalendo uno spirito di “duri e puri” imperniato sulla categoria dell’“epurazione” di partito che è l’esatto contrario dell’“allargamento” ovvero della ricerca del consenso elettorale. La cacciata degli “infedeli” è stato un modulo elettorale inedito".


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano