Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Lettera settimanale. L'editoriale di Rino Formica
foto Serve un' indagine sul ruolo dei gruppi di pressione esterni alla democrazia e interni alle decisioni politiche
LA NUOVA P2 E' LA FINANZA MONDIALE
Il Governo cadrÓ quando lo decideranno le SocietÓ di Rating non Bisignani o i Pm


di Rino Formica 

Chi si oppone alla procedura fissata da una legge per la nomina del Governatore della Banca d’Italia?
Il Parlamento, la Corte Costituzionale, l’Unione Europea?
No. Sono degli opinionisti-fondatori di grandi giornali o grandi firme zelanti  interpreti dei loro editori.
La Banca d’Italia è più autonoma e indipendente se il suo Governatore è scelto tra i migliori “servitori dello Stato” secondo la procedura della legge o se è prelevato tra gli amici di abili lobbisti?
La risposta facile-facile può darla la colf (una volta si sarebbe detto:  la cuoca di Lenin) dei grandi veggenti dei gruppi di pressione, sempre più sfacciati ed arroganti.
Una legge dello Stato ha fissato i criteri per la nomina a termine del Governatore della Banca d’Italia.
La filiera decisionale è chiara: il Consiglio dei Ministri, “sentito” (e non d’intesa con) il Consiglio della Banca d’Italia, propone al Presidente della Repubblica un nominativo.
Il Presidente della Repubblica decide con suo decreto.
E’ ovvio che in Consiglio dei Ministri, organo collegiale, il Ministro del Tesoro ha potere di proposta.
Pare che Tremonti voglia proporre il Direttore Generale del Tesoro unanimemente ritenuto persona capace e di riconosciuto prestigio internazionale.
La semplice e naturale circostanza che il candidato sia proposto dal Ministro del Tesoro è di per sè  sufficiente a declassare i meriti del candidato Grilli.
E’ inaudito!
Per il richiamo alla dovuta collaborazione tra Banca d’Italia e Governo rimando al testo di Guido Carli a cura di Paolo Peluffo (“Le due anime di Faust” -  ed. Laterza), dove è possibile trovare sul  tema, ampie citazioni di Luigi Einaudi.
Mi chiedo piuttosto, quando si potrà cominciare a parlare con serietà e competenza del ruolo dei gruppi dipressione esterni al sistema democratico ed interni alle decisioni politiche?
I grandi giornali si sono molto occupati in passato e nel presente delle varie P2, P3, P4 ecc. ma non hanno mai voluto affrontare la questione delle interferenze mirate  e delle prediche manipolative dell’informazione al limite dell’aggiotaggio, e dell’intrusione nel funzionamento degli organi costituzionali.
Stancamente si ripetono gli identici schemi di  classificazione logica usati nel passato.
Dalla P2 alla P4, passando per una già dimenticata P3, si dà ad intendere che la evoluzione è continua e montante.
Non mi pare che sia così. Anche questo fenomeno associativo politico di limitazione della sovranità democratica e di affarismo di sistema è declassato in forza del degrado del contesto generale.
La P2 aveva alle spalle la NATO, la CIA, pezzi del Vaticano e la benevolenza dei servizi dell’Est.
La P2 era nota a tutte le Istituzioni sin dagli anni ’70. Nessun organo dello Stato, compresa la Magistratura, è mai intervenuto sino al giorno in cui nella sede alta di protezione non si decise che bisognava cambiare spalla al fucile.
Tutto ciò avviene dopo il sequestro Moro.
La storia è nota, ma gli storici non ci sono, perchè la loro critica sarebbe innanzitutto autocritica.
Cosa è oggi la P4 e cosa saranno domani tutte le altre P ?
La P4 è senza una forte protezione internazionale, a meno che non  si voglia pensare che la CIA possa essere sostituita dalla intelligence di una  isoletta dei Caraibi rappresentata da un Lavitola e che la rete dei Nulla Osta di Sicurezza della NATO possa ritrovarsi nella rete dei cancellieri di Procura coordinati dal Dr.Papa.
La P4 è la degenerazione senile delle vecchie formazioni coperte viventi nella guerra fredda.

Quel mondo di relazioni, di compiacenze, di comparaggio e di affarismi, ha continuato ad operare  nel settore degli interessi privati parcellizzati. Fenomeni identici si sono ripetuti all’interno dei grandi organismi di intelligence dell’Est e dell’Ovest.
La funzione classica ricoperta dalla P2 è ora passata nelle mani delle grandi organizzazioni private e pubbliche della finanza mondiale.
La sinistra stia attenta: Berlusconi non cadrà per mano di Bisignani.
Cadrà quando le società di rating avranno deciso.
Esse non guardano ai PM di Napoli  e non sopportano quel pratone di Pontida popolato da ministri e amministratori locali, alticci e  scanzonati coperti da pelle verde di pecora.
Non ci facciamo distogliere  dalle P4.
Il destino dell’Italia  si sta giocando nei saloni della finanza mondiale. Pontida ha portato tanta legna ai loro caminetti.



120 Anni - I Protagonisti e gli Autori della Critica Sociale
GIACOMO MATTEOTTI, UN ITALIANO DIVERSO

Nel nuovo numero, l' ultimo discorso alla Camera (maggio 1924) di Matteotti e una Antologia degli scritti sulla Rivista.
Articoli di Giuliano Vassalli, Gianpaolo Romanato, Elio Franzin.
Le testimonianze di Filippo Turati, Claudio Treves, Ugo Mondolfo, Giuseppe Faravelli.

Clicca per scorrere l'intero Pdf della Rivista. Inoltra questa email ai tuoi amici


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano