Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
I rischi della societÓ aperta
foto La turbolenza economica e il ritorno della violenza terroristica spaventano l'Europa
TERRORE E INSTABILITA'.
LA DIFFICILE ESTATE EUROPEA


Il duplice attacco terrorista al distretto governativo di Oslo e al campo giovanile del Partito Laburista norvegese nell’isola di Utoya, con il suo pesante fardello di vittime, lascia sul terreno un'inquietante sensazione di impotenza. Purtroppo l’acceso vocabolario xenofobo di Anders Behring Breivik è condiviso da tanti in Europa, anche all’interno del normale confronto democratico.  Circostanza che rende assai complicato predisporre interventi legislativi e investigativi in grado di individuare i gruppi e i soggetti realmente pericolosi. Non sembrano esserci alternative: anche in futuro le società  occidentali dovranno pagare un prezzo per la loro apertura alle differenze.
Prosegue nel frattempo lo scontro tra l'Unione Europea e le principali agenzie di rating.  Incapaci di riconoscere i sintomi della crisi finanziaria che ha investito l’economia globale a partire dal 2008  e accusate di aver sviluppato macroscopici conflitti di interesse con società e gruppi le cui attività economiche avrebbero dovuto invece valutare imparzialmente, le "tre sorelle" sono nell'occhio del ciclone. Dal duro e incerto confronto in atto, spiega il direttore di Policy Network, Olaf Cramme, potrebbe emergere un'Europa finalmente in grado di gestire le contraddizioni tra gli imperativi dell’economia globale e le crescenti domande di partecipazione democratica alle scelte cruciali per il futuro della Ue.



La rabbia collettiva contro le tre sorelle e la crisi dell'Eurozona
LA GUERRA EUROPEA ALLE AGENZIE DI RATING

Policy Network, luglio 2011,

La disunità è stata una delle principali caratteristiche della crisi del debito nell’Eurozona. Gli Stati creditori biasimano i paesi debitori per la loro irresponsabilità fiscale, così dannosa per la salute della moneta unica. Nelle ultime settimane, anche la Germania è stata da più parti accusata per la sua mancanza di leadership nella gestione della crisi, mentre è proseguito il defatigante dibattito tra Banca Centrale Europea (Bce) e Stati membri sulla natura della partecipazione del settore privato alla ristrutturazione del debito greco. Tuttavia, quasi inaspettatamente, i leader dei paesi europei hanno trovato un’improvvisa convergenza e formato un fronte unitario contro le principali agenzie internazionali di rating, considerate ormai una vera e propria minaccia alla stabilità del Vecchio Continente. Olaf Cramme, direttore di Policy Network, indaga nelle pieghe del compattamento difensivo dell’Ue e della prossima guerra alle “tre sorelle” (Moody’s, Fitch e Standard & Poor’s).


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano