Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Eurobond per fermare la crisi (e il consolato franco-tedesco)
foto Intervista a Rino Formica e Anna Nahles (SPD)
"UN ANNO DI TREGUA PER COSTRUIRE L'EUROPA"
L'ex ministro, a sostegno del richiamo di Napolitano a Rimini,
rilancia la proposta del segretario dei Socialisti tedeschi


Un anno di tregua per costruire l’Europa. E’ questa la proposta lanciata in un’intervista al blog del proprio partito da Anna Nahles, giovane segretario generale della SPD.
Per superare la crisi, afferma, gli Eurobond sono indispensabili ed urgenti, prima che la crisi dei debiti sovrani di paesi come Italia e Spagna si aggravi e con essa la situazione dell’Euro. In Germania, prosegue, il ministro delle Finanze e i Liberali, con il sostegno della Bundesbank, restano fermamente contrari alla misura. L’Europa su questa linea è in pericolo. Di qui la “mano tesa” dei Socialdemocratici tedeschi alla Merkel (che peraltro vede crescere le critiche per la sua incertezza anche in casa CDU) per uscire dall’angolo in cui si è fatta mettere dalla minaccia di crisi di governo dei liberali.

Una posizione, quella della giovane segretaria dell’SPD, che Rino Formica sposa da cima a fondo e che si augura sia assunta anche dalle forze politiche in Italia, e dal Partito democratico in particolare. La proposta di un “anno di tregua per costruire assieme l’Europa”, sostiene Formica nell’intervista che compare sul nuovo numero di Critica Sociale (e che anticipiamo oggi), è in piena sintonia con le preoccupazioni del Presidente Napolitano espresse ieri al Meeting di Rimini, quando ha esortato a “rendere chiaro quale sia la posta in gioco per l'Italia: ridare vigore e continuità allo sviluppo economico, sociale e civile. E far ripartire la crescita in condizioni di stabilità finanziaria, non rischiando di perdere via via terreno in seno all'Europa e nella competizione globale, di vedere frustrate energie e potenzialità ben presenti e visibili nel Paese, di lasciare insoddisfatte esigenze e aspettative popolari e giovanili e di lasciar aggravare contraddizioni, squilibri e tensioni di fondo".

La "tregua per l’Europa" è la risposta, secondo Formica, che le forze politiche devono assumere alla luce delle gravi e fondate critiche che il Presidente della Repubblica ha rivolto a entrambi gli schieramenti. Napolitano ha chiesto di "liberarsi finalmente da approcci angusti e strumentali", nel momento in cui, ha ricordato, "ci apprestiamo a discutere in Parlamento nuove misure d'urgenza".
E qui il Capo dello Stato ha la duplice bacchettata, al governo e all'opposizione.
Rivolto al governo, il presidente della Repubblica chiede: "Possibile che si sia esitato a riconoscere la criticità della nostra situazione e la gravità effettiva delle questioni, perché le forze di maggioranza e di governo sono state dominate dalla preoccupazione di sostenere la validità del proprio operato, anche attraverso semplificazioni propagandistiche e comparazioni consolatorie, su scala europea?".
Ma il Capo dello Stato ne ha anche per la minoranza: "Possibile -chiede ancora Napolitano- che da parte delle forze di opposizione ogni criticità della conduzione attuale del Paese sia stata ricondotta a omissioni e colpe del governo, della sua guida e della coalizione su cui si regge?". Ne trae questa conclusione: "Lungo questa strada non si poteva andare e non si è andati molto lontano".
Ecco allora che "occorre più oggettività nelle analisi e più misura nei giudizi, più apertura e meno insofferenza verso le voci critiche e le opinioni altrui". In sintesi: "bisogna portarsi tutti all'altezza dei problemi da sciogliere e delle scelte da operare: scelte non di breve termine e di corto respiro, ma di medio e lungo periodo".



LA MERKEL DEVE DECIDERE. SI' AGLI EUROBOND
Parla la segretaria della SPD, Anna Nahles


"Sono convinta che si siano resi conto in Italia, in Spagna e ovunque che sia necessario agire in modo responsabile, perchè noi tutti ci troveremmo nei pasticci se non lavorassimo insieme. Gli Eurobonds ci porteranno il progresso necessario. Il ministro delle finanze Rösler si rifiuta con tutta la forza, l'intero FDP si rifiuta, ci sono delle liti nel Bundestag, ma adesso è davvero arrivato il momento in cui la Cancelliera si mostri determinata e prenda le sue decisioni con saggezza, per il nostro futuro. Gli Eurobond verrano introdotti,la questione di quando accadrá in Europa dipende dalla Merkel, e io posso solo consigliare che ciò accada il più presto possibile perchè altrimenti vedremo un inasprimento della crisi invece di un sollievo”.


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano