Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 


Avanti! - MailBox (25 febbraio)
foto Rassegna settimanale delle note politiche e delle lettere
RAFFORZARE IL SISTEMA POLITICO
PER NON FARSI PIGNORARE
SOVRANITA'(E PATRIMONIO)


 9 FEBBRAIO

Riforma elettorale per rinnovare i partiti
LA POLITICA VENTI ANNI DOPO,
SEI OBIETTIVI PER CAMBIARE


di Rino Formica
 
O fantasia istituzionale o neocolonialismo. Il quadro politico italiano è chiaro e drammatico. L’alternativa a Monti è un  Governo sostenuto dai partiti in declino e da istituzioni ritenute inservibili da una crescente opinione pubblica avversa ai partiti. Il vincolo estero, ha bisogno di un sistema politico forte.
Ogni  piccolo errore di valutazione ci butta fuori rotta. Proviamo a sintetizzare. http://bitly.com/wyIcGn

21 FEBBRAIO
Il "Direttorio" finisce in minoranza
L'EUROPA CAMBIA MARCIA, POLITICHE
DI CRESCITA  PER SALVARE L'EURO


Nell’arco di un mese e mezzo, la situazione si è capovolta, e l’irriso isolamento dela Gran Gretagna dopo la “vittoria” della Merkel si è trasformato nel suo contrario, nell’isolamento del duo Merkozy. Un ruolo in questo spariglio dei rapporti politici nell’Unione l’ha giocato il viaggio di Monti negli Usa, che oggi conferma una nuova linea di ripresa di iniziativa politica verso l’Europa. http://bitly.com/yM5TES

22 FEBBRAIO

Dieci risposte ad un socialista critico su Facebook
TREMONTI: "SEPARARE LE BANCHE
INDUSTRIALI DALLE BANCHE-BISCA"


“Dieci motivi per non apprezzare il libro di Tremonti”, postato da Andrea Ruini su facebook nella bacheca degli “Amici di Critica Sociale”. Ci è parsa una buona idea che l’ex ministro "più potente" del governo Berlusconi, come veniva definito dalla stampa, potesse colloquiare con chi lo critica, anche se privo di "curriculum" scientifico, ma convinto delle proprie opinioni. Tremonti ha accettato il nostro invito e, punto per punto, ha replicato alle osservazioni con brevi flash che pubblichiamo in questa newsletter dell'Avanti!
http://bitly.com/x61nIU


Una recensione all' essay del filosofo sulla crisi in corso
EMANUELE SEVERINO, "VORREBBE DOMINARE

MA IL CAPITALISMO E' UNA FOGLIA SECCA"


di Riccardo Pugnalin
"Sono rare le occasioni per occuparsi delle nostre vicende quotidiane con l'autorevolezza che la loro complessita' invece imporrebbe". Emanuele Severino, con la forza di sempre, dalle pagine culturali del "Corriere della Sera" di sabato, nel suo articolo dal titolo " La decadenza del capitalismo ridotto come una foglia secca: vorrebbe dominare il mondo ma e' sottomesso alla tecnica",  offre  un’ opportunita' all'attuale dibattito culturale che solo la disattenzione generale forse non coglierà'. http://bitly.com/zHuwQ7

23 FEBBRAIO
Il 22 marzo il Tribunale di Milano decide sul Porcellum
"MAGGIORITARIO ANTICOSTITUZIONALE".
APPELLO DI CITTADINI AL GOVERNO:
LASCI LA PAROLA ALLA CONSULTA


Il prossimo 22 marzo la Corte d’Appello di Milano è stata chiamata, da un gruppo di “cittadini-elettori” milanesi e lombardi ma non solo, a pronunciarsi sulla richiesta di rinviare alla Consulta la questione di costituzionalità relativa al premio di maggioranza, alle liste bloccate, all’ indicazione sulla scheda elettorale del premier e al quoziente elettorale differenziato. L’Avvocatura dello Stato, su richiesta del governo del tempo, si oppone alla possibilità che il giudice invii alla Corte costituzionale la richiesta di esame.  Una rinuncia alla pervicace opposizione, un “lascia-passare” verso la Corte Costituzionale da parte del governo, sarebbe la scelta più democratica. http://bitly.com/wkvbyt

24 FEBBRAIO
Riflessioni sull'intervista di Mario Draghi al WSJ
SOVRANITA' "PIGNORATA"

 

Dice il Governatore: “Noi abbiamo un consolidamento fiscale dove i governi europei hanno iniziato a cedere sovranità per il comune intento di stare assieme”. Questo auspicato intento - e la sottostante cessione di sovranità - permettono il fiscal compact, che a sua volta fa sì che “il sistema bancario sembra meno fragile di un anno fa” e si riattiva in “alcuni mercati di bond obbligazionari” che “si riaprano”.
E’ un progetto politico che sorge dalla finanza.
La cessione di sovranità attraverso il fiscal compact diventa un cappio al collo per non far saltare in aria l’euro, ma la sovranità ceduta non diventa partecipata. Nelle crisi tra creditori e debitori non c’è la “cessione”. C’è il “pignoramento”. http://bitly.com/yYKEoo



Ci hanno scritto e inviato contributi: Dino Cofrancesco, Enzo Palumbo, Gianni Copelli, Moreno Bucci, Levon Zekiyan, Alberto Aleandri, Renzo Penna
LETTERE ALL'AVANTI!

UN PAESE ALLERGIO ALLE FORME
E’ constatazione malinconica che in Italia non c’è governo, non c’è maggioranza parlamentare, non c’è partito politico che non sia tentato e indotto a non tener conto delle leggi ordinarie e delle norme costituzionali. Il ‘culto delle forme’ che definisce la natura della civiltà liberale non ci appartiene ,a differenza, invece, dell’attenzione alle ‘formalità in cui siamo maestri. Da secoli siamo abituati a ritenere importante la ‘sostanza’ delle cose e a considerare le forme come una risorsa che si pone al servizio della buona causa—e quindi da far valere—o come un impaccio, che impedisce di ‘far giustizia’—e quindi da rimuovere.
Dino Cofrancesco
(leggi il contributo allegato)


CONTRO IL PORCELLUM

Grazie per la mail (23 febbraio) che mi ha dato una notizia di estremo interesse e di palpitante attualità, tuttavia assolutamente secretata dai media italiani; incredibile!
Purtroppo, temo che l'iniziativa sortisca lo stesso negativo risultato delle precedenti, tutte naufragate sullo scoglio dell'autodichia delle Camere in materia elettorale.
Tuttavia, una volta naufragata l'iniziativa referendaria, occorre continuare a sperare in un qualche strumento che possa creare una qualche clausola di salvaguardia per la Democrazia italiana.
Pensando che possa in qualche modo interessarVi, qui allegato Vi rimetto il testo del mio intervento svolto dinanzi alla Corte Costituzionale l'11 gennaio scorso, in difesa dei due referendum abrogativi del porcellum; vi troverete molti degli argomenti dell'articolo in questione.
Vi ringrazio per l'attenzione e Vi invio molti cordiali saluti.
Enzo Palumbo

(leggi il contributo allegato)


FINANZA E GOVERNANCE
Ci chiamiamo "Critica sociale " e percio' mi permetto di inviare due documenti redatti dal compagno Leonardo Scimmi di Lussemburgo sperando trovi "un posticino". Colgo l'occasione per augurarvi buon lavoro.
Gianni Copelli
segretario della regionale del PSI di Bruxelles e 
membro della Federazione del PSI del Belgio. (leggi il contributo allegato)


SOVRANITA’ PIGNORATA
Quello prospettato dal Governatore Mario Draghi è il modo peggiore di cedere sovranità! In un processo federalista la cessione di sovranità permette al potere centrale (europeo) di agire nel nome e per conto di tutti, con un sistema di democrazia che poggia sul Parlamento europeo, direttamente eletto dai cittadini. In questo modo, invece la sovranità è sottratta allo Stato per consegnarla a politiche intergovernative imposte e non condivise. Non avanza l'Europa, ma soltanto la politica neo liberista che permea tutta la classe dirigente del maggior numero degli stati membri e della quasi totale schiera della burocrazia europea.
Moreno Bucci

SPECULAZIONE: LA CHIESA PARLI!
Grazie, per questa analisi lucida e pertinente. Siamo in balia di una speculazione tra 
le più perverse! Come credente, mi duole anche il fatto che dall'alto della Chiesa non si esprima una voce chiara e decisa di condanna di questo terribile andazzo.
Aspettarselo è forse anche troppo ingenuo, quando si è già decisamente sepolto quella 
splendida "dottrina sociale" che era un vanto della Chiesa Cattolica.

Boghos Levon Zekiyan


CASA POUND
Ho trovato dai giornali dell'Avanti! di mio padre (deceduto nel 1963 all'età di 65 anni)  un articolo del 1943 sulle foibe ne ho fatto un manifesto e i fascisti di Casa Pound mi hanno denunciato. I famigliari delle vittime del terremoto si sono offesi della loro presenza all'Aquila e della loro inclinazione all'odio razziale ,antisemita e fascista. Non a caso a Firenze dicembre 2011 Casseri Gian Luca di casa Pound ha ucciso e ferito immigrati senegalesi. Infatti sono diversi gl'immigrati
anche di colore che sono morti sotto le macerie all'Aquila. Cosa ne pensate dell'arroganza e delle continue violenze di Casa Pound ?  
So che questo non ha attinenza con la vostra comunicazione.Ma il titolo dell'Avanti!  e' molto presente nei miei pensieri per l'educazione socialista e antifascista ricevuta dal mio genitore. Saluti
Alberto Aleandri (L'Aquila)


ETERNIT
(...) Nelle ultime settimane la lotta democratica dell’Associazione, dei sindacati e dei cittadini di Casale Monferrato si è dovuta  confrontare con lo sconcertante voto dell’Amministrazione Comunale della città che, in un primo momento, ha accettato il “patto col diavolo” e per 18,3 milioni di euro si stava piegando alla richiesta di ritirare la costituzione di parte civile del Comune nel processo, diventando complice di Schmidheiny. La mobilitazione popolare e una indignazione che ha valicato i confini del Monferrato ha costretto però il sindaco e i Consiglio comunale a mettere in discussione quel voto. E lo stesso risarcimento economico previsto  dalla sentenza in favore del Comune è risultato superiore di quasi cinque milioni a quello offerto da uno degli imputati della multinazionale.  
E’ giusto ricordare che la lotta per avere giustizia dalla Eternit è stata segnata, nel corso di oltre trent’anni, da coraggiose decisioni prese e dall’impegno di molte e diverse persone: lavoratori colpiti dalla malattia, sindacalisti, medici, sindaci, avvocati, parenti delle vittime e da un Procuratore della Repubblica che ha saputo dare impulso alle indagini e ha condotto con competenza e tenacia una lunga istruttoria. A tutti loro si deve se oggi ai lavoratori dell’Eternit, alle loro famiglie e ai cittadini di Casale è stata riconosciuta piena giustizia.
Renzo Penna (Alessandria)




www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
Direzione
Rino Formica, Stefano Carluccio (d.resp.)

Editore
Critica Sociale

20100 Milano - Critica Sociale via Formentini 10, Brera.
Amministrazione: Giornalisti Editori, via Benefattori dell'Ospedale 24