Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Sergio Moroni. Il 2 settembre, 20 anni dopo
foto La lettera a Napolitano anticipò di un anno la denuncia di Craxi in Parlamento. Ora il tritolo esplode in faccia a chi l'ha maneggiato
LA PROFEZIA SI AVVERA: ORA E' ACHILLE
CHE MUORE COME DISSE L'ETTORE MORENTE
Il testo della Lettera al Presidente della Camera


A vent’anni di distanza il “gesto” di Sergio Moroni va ricordato non per una cerimoniale commemorazione, ma soprattutto per restituirgli verità e giustizia. Quella verità e giustizia che in questi venti anni gli sono state negate. Quando lo compì non fu possibile. Nel “chiasso” di quel settembre 1992 prevalsero l’intimidazione e la mistificazione. Lo stesso Giorgio Napolitano destinatario della lettera in cui Moroni motivava il suo “gesto”, ha ammesso – nel 2006 - di essere stato in quell’occasione reticente, se non pavido: “Avrei forse dovuto, quel giorno, dire di più”. 

Di fronte alla notizia del suicidio i pm di “Mani Pulite” si riunirono e dopo due ore i magistrati convocarono i giornalisti dichiarandosi “sereni”. Il futuro senatore Gerardo D’Ambrosio scandiva: “Si vede che c’è ancora qualcuno che per vergogna si suicida, per il resto non posso entrare nella mente di un altro”. E Piercamillo Davigo così commentava il dolore dei compagni socialisti di Moroni: “Piuttosto dovrebbero interrogare le loro coscienze coloro che con lui hanno commesso questi reati”. Si era in “fase preliminare”, ma la “presunzione d’innocenza” non era contemplata. Moroni - senza mai essere stato ancora sentito dagli inquirenti e senza che ancora fossero iniziate le indagini per cui era necessaria l’autorizzazione a procedere della Camera dei Deputati - era già stato pubblicamente condannato con sentenza definitiva. All’epoca quei pubblici ministeri dai loro giornalisti erano, infatti, chiamati “giudici”.

Il commento di Baget Bozzo sull'Avanti! del 5 settembre '92http://bit.ly/Qar0YV 



Dirigente politico bresciano previde per primo il boom della Lega
NE' PER VERGOGNA, NE' PER FRAGILITA'


di Ugo Finetti

La storia di Sergio Moroni è quella di un politico anche come “gran lavoratore”: studio, organizzazione, presenza, lotta, dialogo. Tra polemiche e consenso. Fu così protagonista del rinnovamento del partito socialista a Brescia e in Lombardia diventando il naturale punto di riferimento per chi – anche lontano dal partito socialista – operava sui due “fronti” più importanti in quegli anni: terrorismo e crisi economica. L'”alleanza tra merito e bisogno”, lanciata dalla Conferenza programmatica di Rimini del 1982, non fu uno slogan, ma un programma e poi una realtà per Sergio Moroni che negli anni successivi svolse un ruolo primario come responsabile del più importante assessorato regionale, la Sanità, e poi come segretario del Psi lombardo. Se alle elezioni del 1992 fu il socialista più votato nel suo collegio non era frutto di “clientelismo”, ma di lavoro e stima che aveva seminato in decenni di iniziativa politica che lo avevano reso una personalità “centrale” in particolare per il mondo produttivo e sindacale.



La testimonianza dell'ex sindaco di Milano
"STAI ATTENTO, GLI EX COMUNISTI SONO
CAMBIATI IN PEGGIO". AVEVA RAGIONE


di Paolo Pillitteri

Avevo un motivo,quell'estate cupa e devastata,per ascoltarlo, io avevo dentro un piccolo nodo da sciogliere,una piccola parentesi da chiudere con lui col quale avevo bisticciato "politicamente" l'anno precedente.Io dovevo pure spiegarmi e,dunque scusarmi rendendogli un atto di giustizia politica, giacchè la sua contrarietà alla giunta di Milano che stavo mettendo in piedi(con i comunisti) non aveva i soliti svolazzi ma metteva a fuoco l'unico vero punto debole:quei comunisti erano cambiati,in peggio.Stai attento mi diceva. Aveva ragione.



Nella Lettera a Napolitano in difesa dell'onore e del suo lavoro
BRESCIA E' UNA CITTA' DIFFICILE.
SI ERA AFFERMATO CON ONESTA'


di Piero Borghini

Quando penso a Sergio Moroni, la cosa che mi viene in mente per prima è il lavoro. Il duro lavoro con cui aveva saputo costruire la sua posizione politica, da solo e superando molte difficoltà, tra cui un fisico che non faceva certo di lui, di primo acchito, un capo. Eppure c'era riuscito, con un impegno,una dedizione, una capacità di sacrificio, combinando sempre studio, lavoro e militanza politica, di cui solo la gente delle valli è capace. Quando nella sua lettera a Giorgio Napolitano scriveva di voler difendere, con il suo gesto irreparabile, il proprio onore, io credo infatti che pensasse innanzi tutto a questo: al proprio lavoro.



Brescia Rossa: un'agile, documentata ricostruzione della vicenda del socialismo bresciano
UNA GRANDE SENSIBILITA' PER LA STORIA
E LA CULTURA DEL SOCIALISMO


di Roberto Chiarini

Ci conoscevamo praticamente da sempre, ma una vera frequentazione cominciò solo dal 1991, ossia da un anno prima della sua morte. L'occasione venne offerta dal centenario del Psi. In vista della ricorrenza l'Istituto socialista di studi storici di Firenze si era fatto promotore di una molteplicità di incontri commemorativi, divisi per aree geografiche. Per l'Italia del Nord il compito di compiere i passi necessari per tenere un grande convegno storico sull'argomento era toccato a me. Avevo di conseguenza contattato Sergio Moroni perché, nella sua veste di segretario lombardo del Psi nonché di personaggio conosciuto per la sua sensibilità alla dimensione culturale dell'attività politica, mi introducesse nelle sedi istituzionali competenti al fine, innanzitutto, di reperire i necessari finanziamenti, in secondo luogo di raccogliere adesioni e sostegni



La testimonianza di un amico a cui Moroni indirizzò la terza lettera perchè tutelasse il suo onore
PROTAGONISTA DELLA SVOLTA SOCIALISTA VERSO I NUOVI CETI

di Ugo Calzoni

Le sue ultime parole, quelle nella lettera a me indirizzata, avevano il taglio di un imperativo morale che mi hanno accompagnato per molti anni. Sergio chiedeva “all'amico dalle spalle forti di fare in modo che gli fosse restituito l'onore”.Ne parlai con Bettino Craxi chiedendogli di farsi una ragione del fatto che nessuno scritto, nessun messaggio, nessuna riga Sergio Moroni aveva lasciato per i suoi compagni e per il Partito nel quale aveva militato per oltre trent'anni.



www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano