Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
14 novembre
foto Un salto indietro nell'800
SCIOPERO EUROPEO
E QUESTIONE SOCIALE


“Da "Blockupy Frankfurt", dal meeting di Francoforte al quale abbiamo partecipato il 20 e 21 ottobre scorso, si va verso Madrid, dove reti e movimenti di tutta Europa si incontreranno per parlare di debito, diritti e democrazia, per ragionare insieme su un'idea diversa di Europa, per sperimentare nuovi modi di stare insieme, per trovare un piano condiviso del nostro agire politico”.
Questo l’appello lanciato sulla piattaforma “liquidflaschback” da 99Agorà. Un linguaggio per i partiti europei del tutto sconosciuto, ma maturato negli anni e ora linguaggio di una realtà d’avanguardia giovanile che, come hanno sottolineato mesi orsono la London School e i laburisti inglesi, è un linguaggio che parla al ceto medio europeo, stretto tra crisi economica (soprattutto nel sud Europa) e crisi della rappresentanza democratica (particolarmente temuta nel nord Europa).

Sono parole di unità europea e di democrazia, l’alternativa al rigurgito nazionalista della destra populista che sta montando nel Nord contro il Sud e nel Sud contro il Nord.
Lo sciopero generale europeo ha rimesso al centro dell’attenzione politica la questione sociale e la questione democratica, come avvenne nella metà dell’Ottocento coi movimenti democratici e socialisti.
Assenti i Governi. Sessant’anni di diritti politici e sociali stanno svanendo in pochi mesi.
Il Novecento e le sue conquiste rischia di essere stato buttato al vento.
 



Crisi europea. L'appello di Blair
UN "GRANDE PATTO", NON PICCOLI PASSI


di Tony Blair

Se una tattica politica cauta  è comprensibile, è altrettanto vero che essa deve essere sostenuta da una strategia economica che rifiuti la logica dei piccoli passi ma si fondi su un "Grande Patto" che affronti i problemi di liquidità della Bce; che risolva le carenze di solvibilità con i necessari trasferimenti fiscali; che realizzi l'unione bancaria; che consenta un alto grado di coordinamento fiscale; che metta in modo profonde riforme strutturali; che modifichi le politiche di austerità attualmente in auge.


Da Wilson a Roosevelt, da Johnson a Obama
LE OMBRE DEL LIBERALISMO USA

 

La netta riconferma alla presidenza di Barack Obama ha rallegrato i progressisti di tutto il mondo (europei in particolare) e galvanizzato i liberal americani. Ma è tutto oro quel che luccica? Charles Kadlec, per Forbes, sceglie una prospettiva di lungo periodo per riflettere sull’evoluzione della cultura politica statunitense e sulle tendenze future. Una proposta di lettura interessante anche per gli europei, spesso pronti ad abbracciare gli orientamenti politici predominanti dall’altra parte dell’Atlantico senza contestualizzarli e comprenderli a fondo.



Parla il segretario del Labour
"NOI, IL PARTITO DELLA NAZIONE"

Il discorso di Ed Miliband alla Conference laburista

Riproponiamo il discorso tenuto dal segretario del partito laburista britannico, Ed Miliband, alla Conference del partito, che si è tenuta a Manchester all'inizio di ottobre. Un intervento che evidenzia una visione unificatrice e non classista per superare la crisi e riproporre le ragioni del riformismo europeo: "Dobbiamo essere il partito del settore privato tanto quanto del settore pubblico. Il partito delle piccole imprese che combattono con la crisi e quello delle famiglie che combattono coi tagli. Il partito del nord e quello del sud. Il partito della classe media in difficoltà e dei poveri. Questo partito non ha futuro come partito di uno solo degli interessi di questo paese".



Crisi economica e crisi sociale
SOCIETA' IN RIVOLTA

Il peggioramento degli indici borsistici, l’erosione del potere d’acquisto e la consistente perdita di posti di lavoro preannunciano un futuro prossimo carico di incertezze. Mentre cresce il fronte dell’insoddisfazione sociale, gli strali popolari prendono di mira i “poteri forti”, incapaci di gestire il sistema globale e le sue risorse. Tuttavia, è bene precisare che scagliare anatemi e additare nuovi responsabili serve a poco, se non a fomentare la rabbia sociale, a stressare i nervi già tesi della coscienza collettiva. L’unica via per uscire dalla crisi che sta investendo il nostro mondo è cercare di comprendere, evitare semplificazioni e operare per il necessario cambiamento.

Società in rivolta. Alle radici del disagio collettivo nel XXI secolo.
Un libro a cura di Fabio Lucchini, prefazione di Fabio Cavalera - corrispondente da Londra del Corriere della Sera. In uscita per Stripes edizioni. Per info e prenotazioni: ordini@pedagogia.it



L'ultimo grande socialdemocratico milanese
RENATO MASSARI

E’ mancato mercoledì, all’età 92 anni, Renato Massari. Milanese e socialdemocratico, nel 1951 venne eletto consigliere comunale a Palazzo Marino. Nei decenni successivi fu prima parlamentare a Roma e in seguito, negli anni ottanta, eurodeputato a Strasburgo. Il ricordo di Enzo Collio: “In una Milano ingrata e senza memoria storica sarà impegno di chi di noi sopravviverà a questa epoca di decadenza politica, culturale e morale ricordare Renato Massari e con lui tutti quegli uomini e quelle donne che lavorarono per la rinascita di Milano e la fecero diventare la capitale della solidarietà e della fraternità sociale”.



www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano