Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Numero speciale per Giorgio Napolitano

Rassegna Online - 2013-04-24
Rivista storica del socialismo fondata da Filippo Turati. Alto patronato del Presidente della Repubblica nel 120° anniversario (1891-2011)

 
ARCHIVIO STORICO
La Collezione dal 1891 al 1926
LA RIVISTA
I numeri pubblicati
 

MONITO AL PARLAMENTO, MA QUESTI PARTITI SONO IL FRUTTO DI MANI PULITE
LA RIELEZIONE DI NAPOLITANO, I NODI GIUNGONO AL PETTINE

  di Ugo Finetti   La rielezione di Giorgio Napolitano è frutto di un rinsavimento in extremis di fronte al rischio, ormai concreto, per il Parlamento di eleggere un Presidente della Repubblica “per caso” e per il Pd e la sinistra italiana di votare il candidato di un movimento antistatale e di incerta fisionomia democratica.
Il discorso con cui Napolitano ha avviato il suo secondo mandato sembra quindi delineare non una ‘prorogatio’, ma la possibilità di una inversione di tendenza: “ultimo richiamo” per “un colpo di reni”.
E’ la denuncia di “un paio di decenni” in cui l’Italia è stata più divisa e avvelenata di quando si viveva all’epoca della “guerra fredda”. Non c’è nostalgia del passato, ma rabbia per mancato rinnovamento.
Ma non essendo seguaci del “culto della personalità”, non manchiamo anche di fare una considerazione critica nei confronti del discorso del Capo dello Stato. In esso vi è un silenzio assordante sulla magistratura politicizzata. Da dove ha anche origine la demonizzazione dell’avversario politico? Da dove vengono il fuoco che infiamma le piazze contro il Parlamento e il veleno che ha impedito le necessarie intese per modificare la Costituzione e rinnovare le istituzioni?
Dopo che il Pd ha votato Napolitano (e non insieme a Grillo), un ex esponente del pool di Mani Pulite ha annunciato che si sarebbe immediatamente iscritto al Pd solo per poterne stracciare la tessera. Vogliamo credere che il Capo dello Stato, che è anche presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, così come ha detto al Parlamento quel che si merita, vada a dire quel che si merita anche al CSM (segue cliccando il titolo)


"SIAMO DI FONTE AD UN DRAMMATICO ALLARME"
IL NUOVO NUMERO DELLA RIVISTA (SCARICARE IL PDF)

  Questo numero di “Critica Sociale” è dedicato in gran parte a Giorgio Napolitano ed in particolare al dibattito nel Pci al momento della caduta del Muro di Berlino e del cambio del nome dell'ex Pci. Ci è sembrato utile ricostruire dilemmi e scelte di allora in quanto molta di quella polvere che è stata messa sotto il tappeto in questi venti anni deriva da reticenze, errori e mancate rese dei conti di allora a cominciare dal diverso intendere l’essere “parte integrante della sinistra europea” tra chi preferiva rincorrere la “sinistra diffusa e sommersa” dei “movimenti ecologisti, femministi e pacifisti” e chi come Napolitano guardava ad una politica di alleanze nella sinistra italiana e di inserimento nel socialismo europeo e occidentale senza il mito di “andare oltre” comunismo e socialdemocrazia.

Nel Sommario:

Il Discorso di Giorgio Napolitano di fronte ai Grandi Elettori

Ultimo Avviso  di Rino Formica

Da Botteghe Oscure al Quirinale  dal libro di Paolo Franchi

"Superare le divisioni del socialismo della libertà"  Intervento alla Direzione del novembre 1989

All'estero socialisti, in Italia "Pds": fu ambiguità  di Gianni Cervetti 

Il gattopardismo di Occhetto  di Ugo Finetti

Quando Scalfari spinse Berlinguer sulla Questione Morale   U.F.

L'illusione di aprire ai socialisti con l'idiosincrazia per Craxi  di Emanuele Macaluso

Il riconoscimento dell'Alto Patronato del Presidente Napolitano nel 120° di Critica Sociale


Cliccare sul titolo per scaricare il PDF del nuovo Numero della Rivista






 
 





 











Direttore Responsabile: Stefano Carluccio.
Registrazione Tribunale di Milano numero 617 del 26 novembre 1994
Giornalisti Editori scarl - via Benefattori dell'Ospedale 24, Milano - Powered by Acume scarl