Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Storia di una falsa rivoluzione

“Migliaia di arresti di politici, amministratori e imprenditori da parte di una giustizia fuorilegge”
di Bettino Craxi

Vi è un tipo di magistrato indipendente a prova di bomba. Non a prova di ideologia e di fazione politica.
Per questa categoria è soprattutto dalla ideologia politica e dalla fazione che derivano i valori che ritengono di poter rappresentare e che debbono ad ogni costo difendere. Sono l’ideologia politica e la fazione che ispirano la loro giustizia, la guidano, ne dettano la condotta. Un impasto ideologico in generale di tipo comunistoide ma soprattutto dai caratteri confusi, arcaici, dogmatici. Un tale indirizzo, sorretto ad un tempo da una volontà ben determinata e spesso fanatica, è penetrato e si è fatto strada, nel corso di lunghi anni, nei ranghi della giustizia italiana.
Si è trattato di una minoranza, non c’è dubbio. Tuttavia una minoranza organizzata e compatta in genere val più di una maggioranza divisa, fluttuante e comunque non armata e corazzata allo stesso modo. Per taluni si è trattato di una vera e propria “lunga marcia”. Per altri di una infarinatura molto più recente e tutto sommato anche più contraddittoria e superficiale. All’inizio era proprio qualcosa di più che una semplice militanza mossa da una convinta partigianeria politica. Era una vera pseudo-cultura riv...