Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Misteri e segreti

Di Pietro non ha mai spiegato i veri motivi delle sue dimissioni dalla Magistratura
di Edmond Dantes

Le dimissioni del dott. Di Pietro, in gran parte dei servizi della stampa e delle televisioni furono presentate come un evento epocale.
L’emozione e l’enfasi impiegate sembravano annunciare la fine di un Pontificato. E invece, a ben guardare e a ben pensare, era, come resta, molto difficile non osservare che quel gesto era, a dir poco, incomprensibile.
Lo era per le motivazioni che lo accompagnavano. Lo era per il contesto che lo circondava. Lo erano per il momento in cui queste dimissioni venivano date.
Per la veritŕ, quindi esse non erano solo incomprensibili, ma persino bizzarre, misteriose ed ambigue.
Il giudice piů amato dagli italiani motivando questo suo gesto, non sembra infatti aver detto la veritŕ agli italiani.
Non l’ha detta il dottor Di Pietro e non l’ha detta neppure il dottor Borrelli che le ha giustificate come dovute ad una condizione di “logoramento” dell’illustre magistrato.
Logoramento psico-fisico? Logoramento da troppo lavoro? Logorato da chi, da che e da che cosa?
Per affrontare uno stato di logoramento a chiunque basta un periodo di cure e di riposo. Non č per una ragione di questa natura che un magistrato si dimette dall’Ordine giudiziario.
Anche se fosse s...