Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Rosso giallo nero sporco e grigio

Per questo pamphlet Antonio Di Pietro querelò la Critica Sociale. Querela che venne ritirata
di Bettino Craxi

Non mi ero spinto neppure a scrivere ciò che altri avrebbero, in tempi successivi, deciso di dire e di scrivere, senza tante perifrasi, con taglienti libertà di giudizio, in varie interviste e in articoli a proposito del mito dell’eroe Di Pietro che veniva smontato, ridicolizzato e messo brutalmente a nudo. Diversi di loro, contemporaneamente, si dichiaravano, in buona sostanza, pentiti di essere appartenuti alla larga schiera degli estimatori e degli apologeti.
In questo modo il Di Pietro, nonostante i passaggi fulminanti della sua carriera politica e le sue ripetute esibizioni populistiche, intrise di ignoranza, maleducazione ed anche di licenze diffamatorie, veniva ormai incalzato da parti diverse, e oggi, come tutti vedono, lo è più che mai, ad onta delle difese d’ufficio, molte delle quali appaiono pelose, calcolate, formali e necessitate ma tutt’altro che sincere.
Più inchieste aperte, dimissioni da Ministro, accuse da mozzare il fiato, fibrillazione nel campo dei restanti adulatori, solidarietà tutt’altro che convincenti, un disorientamento crescente nell’opinione pubblica. Cresce a dismisura il numero di coloro che cominciano a temere di essere stati ingannati in un modo ch...