Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Verità e giustizia

Scalfaro è il primo responsabile della mancata difesa dello Stato di Diritto
di Bettino Craxi

Sono in tanti i giudici che non cercano la verità e la giustizia. Al loro posto hanno cercato soprattutto lo spettacolo.
Anzi sono loro stessi che organizzano lo spettacolo. Per questo si può dire che ci sono ormai dei veri e propri specialisti. Conoscono tutte le tecniche, le hanno già sperimentate con successo.
Notìzie selezionate, deformazione dei fatti, descrizioni scandalistiche, iperboliche trasformazioni. Dichiarazioni, interviste, battute, smorfie e gestì. Il resto per telefono e in sacrestia.
L’ala dei giornalisti attivi, organizzati, impegnati e perfettamente in sintonia. Ora si è ridotta notevolmente ma per una parte almeno è ancora in funzione e lavora ancora con la medesima tecnica ed ispirazione, di buona lena. Del resto alcuni hanno avuto persino un primo premio.
Segreto istnittorio? Non scherziamo. Cose di altri tempi. Danni irreparabili a persone che possono essere innocenti? Amen. Cose che succedono. Orologeria, finalità e discriminazione politica. Balle. E invece sono tutte cose che si potrebbero provare con una grande quantità di dati logici e di fatto.
Ma tutto questo a quale scopo? La “rivoluzione” veniva prima di tutto. “L’alto e nobile disagio istituzionale”...