Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Un teatro pieno. Impensabile nel 1994

La manifestazione per Craxi al teatro Nuovo segnala un clima radicalmente cambiato
di Fabrizio Cicchitto

In primo luogo permettetemi di ringraziare Stefania Craxi per una ragione che riguarda Milano. Credo che voi ricorderete che negli anni ’94, ’95 e ’96 i socialisti si riunivano a Milano negli scantinati, sembrava che non c’era più cittadinanza per una presenza socialista qua a Milano. Ecco io credo che la riunione di oggi, al Teatro Odeon nella centralissima piazza San Babila, segna appunto il fatto che la storia ala fine si prende le sue rivincite nei confronti di coloro che fanno e che hanno fatto dei colpi di mano.
E’ su questo punto che vorrei aprire una breve riflessione. Quello che sta avvenendo nel nostro Paese dimostra che le scorciatoie, i colpi di stato mediatico militari possono anche avere dei successi, ma alla lunga queste operazioni non pagano e anzi si ritorcono contro e colpiscono i loro stessi autori, perché c’è una vendetta della storia proprio per loro che ne sono stati protagonisti.
Siccome noi siamo qualitativamente diversi da loro, il nostro garantismo non è a 90 gradi ma è a 360 gradi.
Il paradosso di questi ultimi giorni è stato che siamo stati noi garantisti nei confronti degli esponenti del Partito Democratico che sono stati messi sott’acqua da operazioni ...