Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Noi li guardiamo negli occhi. Loro abbassano lo sguardo

“Eliminato lo statista hanno vinto i salotti puzzolenti della finanza”
di Giampiero Cantoni

Voglio dire solo due cose. La prima che è la quarta forse la quinta volta che vedo questo bellissimo film, questa bellissima regia, questo accavallamento della nostra storia, della nostra Repubblica che poi identifica in una persona, Bettino Craxi, che è forse l’unico grande statista finora della nostra Repubblica.
La seconda è che io mi commuovo tutte le volte che vedo questo film anche perché abbiamo vissuto assieme a tanti altri molti avvenimenti e la figura di Bettino Craxi non solo viene oggi riabilitata da coloro che l’hanno distrutta in maniera vigliacca e vergognosa, non avere coscienza è la coscienza che pesa sulla loro porta perché tutta questa gente che noi incontriamo quotidianamente la guardiamo negli occhi e abbassano sempre lo sguardo. Questa è la verità.
Il terzo punto è che la libertà dell’individuo e lo sviluppo della società e quindi l’economia sociale di mercato, sono stati l’attività della vita politica di Bettino Craxi e del socialismo, il laicismo che qui vive.
Il fatto stesso che in una domenica mattina come oggi questo Teatro è così pieno, è così vibrante, è la prova che nella sua attività politica lui sta vivendo con noi e vive aleggia sulle ali del Parlam...