Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 3
 
 


2009,
Numero 3/4

L’illusione imperiale. Il recupero dello stalinismo per alimentare il mito della grande Russia

RussiaGi archivi dell’ex URSS aperti da Gorbaciov e Eltsin agli studiosi di tutto il mondo, sono tornati chiusi con Putin all’accesso degli storici
di Fernando Mezzetti

L’Autore di questo articolo – “Putin contro la veritŕ”, Orlando Figes per NYRBooks – č uno dei maggiori esperti di storia russa, autore anche del magnifico Natasha’s dance la “Danza di Natasha”, che č un viaggio nella cultura nazionale russa, sia popolare che aristocratica, un patrimonio di ogni classe sociale.
E’ molto interessante il racconto che lui fa di quando, con il crollo sovietico e aperti gli archivi da Yeltsin, gli studiosi occidentali possono accedere alle fonti storiche sovietiche: malgrado tutte le aperture, lui racconta che non potevano avere contatti tra di loro, tra ricercatori occidentali e post-sovietici, ormai semplicemente “russi”. E perň essi si cercavano, ed evitando i controlli, si incontravano nel bagni, nelle toiletes, a fumare e a scambiarsi opinioni sulle rispettive scoperte e osservazioni che stavano facendo. Gli archivi sovietici sono stati a lungo chiusi e quando Yeltsin decise di aprirli giunsero storici da tutto il mondo a Mosca. E in effetti questi archivi si sono rivelati una miniera. Infatti lo spunto di questo scritto di Orlando Figes su NYR books, č il libro del direttore editoriale della Yale University Press che andň a Mosca per una impresa...