Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 3
 
 


2009,
Numero 3/4

La società politica è ancora figlia di Tangentopoli. Aspettiamo con tenacia che la Storia ci restituisca tutta la verità

Critica socialeDalle pagine della rivista la puntigliosa denuncia di Craxi delle illegalità durante il “golpe mediatico-giudiziario”
di Stefania Craxi

Cari amici, cari compagni, non è senza commozione che si possono rileggere queste pagine di Bettino Craxi che ci riportano a una storia di soprusi, di violazione della legalità, di comportamenti criminali impuniti e, di riflesso, a una caduta della politica, resa prigioniera di idee sbagliate, di programmi inattuabili, di velleità inaccettabili per un popolo abituato a venerare la libertà e la custodia delle proprie opinioni.
E’ una storia infame e perversa. Il crimine contro Craxi, il Partito Socialista e gli altri partiti democratici è tuttora impunito; ma più grave è il crimine commesso contro la Repubblica, distolta dai suoi programmi di moderato e continuo progresso civile e legislativo, abbandonata nelle mani di un partito, il PCI-PDS, che dopo la caduta del comunismo internazionale, aveva solo un problema di sopravvivenza, avendo in testa, come acutamente dice Finetti nell’editoriale di questo numero di Critica Sociale, solo l’antifascismo, il ’68 e Mani Pulite.
L’antifascismo, non democratico, ma rivolto a mettere sotto accusa tutto l’antifascismo non stalinista; il ’68 come sollecitazione libertaria, nascondendone la deriva eversiva e terroristica, Mani Pulite che crimina...