Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 3
 
 


2009,
Numero 3/4

La strategia globale di Barak Obama

GeopoliticaIntervista con il prof. Parsi, Ordinario di Relazioni Internazionali all’Università Cattolica di Milano. L’area fondamentale per la nostra sicurezza va dall’Iraq (“Dove Al Qaeda è stata sconfitta”) all’Afghanistan, paese nel quale il terrorismo jiadista è iniziato e dove deve finire, afferma lo studioso. Perplessità sulla strategia del “primo passo” verso l’Iran
di Vittorio Emanuele Parsi

A prima vista la nuova politica internazionale Usa ispirata alla “mano tesa” e inaugurata ( dopo essere stata preannunciata in campagna elettorale) dalla nuova amministrazione Obama, sembra un’alternativa obbligata alla condotta della precedente politica di Bush.
Ma finora alle aperture del Presidente Usa spesso hanno corrisposto sì educate attenzioni da parte degli interlocutori “avversari” dell’occidente, ma sostanziali conferme delle dure posizioni già note.
Una situazione di incertezza nel campo occidentale che Israele, in particolare, ha manifestato con discreta preoccupazione e che più di un’analisi ha visto all’origine di un diffondersi del timore di sentirsi abbandonati da parte dei cosiddetti arabi moderati.
Il caso più emblematico di questa situazione apparentemente contraddittoria è stata la Conferenza di Durban II con il clamoroso abbandono dell’assise da parte delle delegazioni democratiche dopo l’intervento del leader iraniano Ahmadinejad, duramente condannato dal Presidente americano che non ha voluto nemmeno partecipare alla Conferenza, ma seguita subito dopo dalla conferma che i negoziati sull’arricchimento dell’uranio in Iran proseguiranno anche se non vi saranno...