Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 5
 
 


2009,
Numero 5/6

La nostra unione č la nostra storia. Nell’umanesimo socialista le idee per il futuro dopo la crisi

Gennaio 2010Prima Conferenza Nazionale “Amici della Critica Sociale”
di Critica Sociale

In occasione delle Commemorazioni che si svolgeranno l’anno prossimo per il decimo anniversario della morte di Bettino Craxi, stiamo definendo il programma della Prima Conferenza nazionale di Critica Sociale, prevista per il gennaio 2010. Non intendiamo “limitarci” (si fa par dire) a ricordare la figura dello Statista di cui indubbiamente ormai tutti, anche chi di malavoglia, prendono atto. Craxi era ed č ancora oggi un “uomo nuovo”, l’unico vero “uomo nuovo” della politica italiana dal dopoguerra in poi. Noi abbiamo sempre sprezzato la “seconda repubblica” come un’operazione “a tavolino” non solo antidemocratica, ma socialmente antiriformista e dunque, vogliamo ricordare Craxi – e la sua creativitŕ intellettuale, liquidata con l’esilio e la morte - sotto un profilo fin qui trascurato, quello del pensatore: del “pensatore attivo”, del grande innovatore di cultura politica, che non cade dal cielo, ma si forma e di definisce nella lotta interna al PSI per la sua emancipazione dal PCI e poi con il PSI contro il comunismo internazionale. Libero e antidogmatico, non scrive solo nei libri o sulla sabbia, ma soprattutto nei documenti e sulla “carta che canta” nell’azione politica del Part...