Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 5
 
 


2009,
Numero 5/6

Il fallimento dell’Economia e degli Economisti

“Animal Spirits” di Georgie Akerloff e Robert Shiller: “La macroeconomia degli ultimi 30 anni è andata nella direzione sbagliata”
di Benjamin M. Friedman

Ormai ci sono poche persone che non riconoscono che le maggiori istituzioni finanziarie americane e i mercati che esse dominano hanno mal servito il paese negli ultimi anni. La prova evidente di questo fallimento sono le enormi perdite – più di quattro mila miliardi di dollari secondo l’ultima stima del Fondo Monetario Internazionale – che le banche e altri prestatori di denaro hanno sofferto sugli investimenti legati ai mutui, unite alla necessità per i contribuenti di immettere somme ancora maggiori in sussidi diretti e garanzie finanziarie per prevenire la bancarotta di tali istituzioni. Considerati un tasso di disoccupazione ormai vicino al 9 per cento e ancora in crescita, un calo della produzione industriale del 13 per cento rispetto ad un anno fa, e nette diminuzioni, se non addirittura perdite, nei profitti della maggior parte delle imprese, è evidente come la crisi finanziaria abbia imposto anche enormi costi economici.
Il governo si è mosso con aggressività, su molti fronti, per tamponare almeno i danni immediati. La Federal Reserve non solo ha allentato la morsa della politica monetaria fissando il tasso di interessi a breve termine a quasi zero punti ma ha anche creato ...