Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 5
 
 


2009,
Numero 5/6

La scommessa di Obama su una “opinione pubblica” in M.O. Il nuovo approccio Usa con il mondo isalmico

AnalisiParla il docente di Strategia e consulente Onu
di Arduino Paniccia

“Stiamo vivendo una fase di profondi cambiamenti in Medio Oriente e non č facile comprendere se i sommovimenti in atto, soprattutto in Iran, possano assumere un segno positivo o negativo”. Il Professor Arduino Paniccia, docente di Strategia ed Economia Internazionale presso l’Universitŕ di Trieste e consulente delle Nazioni Unite, trae spunto dai drammatici avvenimenti iraniani per sviluppare un’analisi degli scenari strategici che stanno prendendo forma nella regione.
Rispetto a pochi mesi fa, qualcosa č cambiato, esordisce Paniccia. Quello che appariva un saldissimo fronte sciita, pronto a sfidare l’Occidente e a minacciare non solo Israele ma anche i regimi arabo-sunniti, appare oggi in difficoltŕ o quantomeno lacerato al suo interno. In Libano, Hezbollah, sconfitto alle elezioni, rimane una forza condizionante ma deve registrare una battuta d’arresto significativa. In Iraq, la maggioranza sciita sembra finalmente disposta a dialogare e a scendere a patti con la componente sunnita e baathista. Ma č l’Iran, come noto, a rappresentare in queste settimane il fronte decisivo per le prospettive politiche dell’islamismo sciita.
E’ importante inquadrare correttamente la delicata trans...