Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 5
 
 


2009,
Numero 5/6

Fuller e Mazzini: tra fede e fato

SaggioUna giornalista americana, patriota della democrazia italiana ed europea
di Gigliola Sacerdoti Mariani

“Il futuro alle spalle”
Margaret Fuller attraversň l’Atlantico nell’agosto 1846 - all’etŕ di trentasei anni - e divenne europea. Avrebbe dovuto compiere quel viaggio nel 1835, in compagnia di Harriet Martineau, ma la morte del padre alla vigilia della partenza glielo aveva impedito. Se avesse realizzato quel primo progetto, non avrebbe incontrato Mazzini a Londra. Il fato aveva rinviato l’impatto diretto, non libresco, di Margaret con una cultura che l’avrebbe portata a scelte fondamentali e l’avrebbe indirizzata verso precisi impegni ideologici e politici.
Prima di accingersi alla traversata - insieme agli amici Spring, i coniugi Rebecca e Marcus con il giovane figlio Eddie - Fuller aveva preso accordi con Horace Greeley, l’ardente seguace di Fourier, proprietario della New York Daily Tribune1: al giornale - con il quale lei giŕ collaborava con articoli su tematiche di carattere sociale, artistico e letterario - avrebbe inviato dei reportages dall’Europa, in forma di ‘lettere’. Senza esserne consapevole, sarebbe diventata la prima donna americana corrispondente dall’estero e la prima donna corrispondente di guerra, nel breve periodo della Repubblica romana.
Alle spalle aveva il t...