Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 7
 
 


2009,
Numero 7

“Occidente senza nucleare? Il mondo sarebbe ricattato”

WSJL’ex Segretario alla Difesa USA controcorrente
di James R. Schlesinger

L’ex Segretario alla Difesa americano si dichiara controcorrente rispetto all’ipotesi di un disarmo globale nel campo delle armi atomiche. Non solo non crede possibile questa prospettiva ma neppure auspicabile. Una opinione, illustrata nell’intervista al Wsj, condivisa anche dal premier giapponese Taro Aso in occasione delle manifestazioni per il sessantaquattresimo anniversario di Hiroshima e Nagasaki.

“Ogni giorno vengono utilizzate armi nucleari.” Questo č ciň che ha detto l’ex Segretario della Difesa James Schlesinger, il mese scorso nel suo ufficio nell’ enclave boscosa di Maclean, in Virginia. E’ un scenario tranquillo per  un colloquio su tematiche apocalittiche e il tono di Mr. Schlesinger dissimula il peso delle questioni di cui parla —punti che apparentemente sono stati trascurati nel summit a Mosca tra Barack Obama e Dmitri Medvedev. Schlesinger spiega che l’utilizzo quotidiano di armi nucleari avviene per “scoraggiare i nemici potenziali e come garanzia agli alleati ai quali abbiamo offerto la nostra protezione”. A Mr. Obama piace parlare della sua visione di un mondo libero dal nucleare: a Mosca lui e Medvedev hanno firmato un accordo che stabilisce gli obbiettivi per...