Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 7
 
 


2009,
Numero 7

Medvedev vs Putin. Gioco delle parti o realtŕ? Le mosse sottotraccia per la Procura generale

RussiaL’emancipazione del Presidente “liberale” tra stop and go
di Fabio Lucchini

Sembra scricchiolare il tandem al vertice del Cremlino. In sintonia sulla politica estera, i due leader sono spesso in attrito a Mosca. La clamorosa condanna di Medvedev del delitto di Estemirova, davanti al Cancelliere tedesco Merkel e al consueto silenzio di Putin, si intreccia con il tentativo di nominare Aleksandr Konovalov, un suo compagno di studi e ora ministro di Giustizia, al vertice della Procura generale, l’ufficio che ha in mano le inchieste sui delitti della Politkovskaja e degli altri dissidenti, ma la vera chiave per regolare i conti tra gli “oligarchi”, ricchi e impotenti, e i veterani del KGB.

“Lo conosco da piů di diciassette anni, ho lavorato in stretta collaborazione con lui in tutto questo periodo e sostengo pienamente la sua candidatura”. Parola di Vladimir Putin. Era il dicembre 2007 e il presidente russo uscente rinunciava al tanto atteso colpo che gli avrebbe consentito il terzo mandato (vietato dalla Costituzione) per cedere, almeno formalmente, le leve del potere a Dmitri Medvedev, un personaggio allora semi–sconosciuto al grande pubblico internazionale, ma non certo a Mosca. Nato nel 1965, Medvedev, dopo aver conseguito un dottorato in diritto privato...