Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 7
 
 


2009,
Numero 7

Il socialismo democratico dell’Indian National Congress

Dall’Internazionale Socialista alla vittoria elettorale
di F.L.

Un partito dalle antiche tradizioni si pone all’avanguardia nell’elaborazione politica e culturale. Legato a doppio filo alla modernizzazione dell’India, fautore del miracolo economico di New Delhi ed ispirato dalle intuizioni del Premio Nobel, Amartya Sen, il Congresso rappresenta un modello per i progressisti e i riformisti di tutto il mondo.
Lo scorso mese di maggio, la United Progressive Alliance (Upa), la coalizione guidata dal Partito del Congresso ha vinto le elezioni parlamentari indiane, confermandosi e consolidandosi al governo. Una dimostrazione della popolarità e del radicamento del partito presieduto da Sonia Gandhi, affiliato a pieno titolo alla famiglia del socialismo liberale internazionale. Il Partito del Congresso, infatti, oltre a rifarsi alla tradizione del Mahatma Gandhi, fa parte dell’Internazionale Socialista. Una forza democratica e progressista, testimone di una lunga e gloriosa storia politica. Fondato nel 1885, è stato capofila nella lotta per l’indipendenza indiana dalla Gran Bretagna e ha governato lo sviluppo del Paese per quasi tutto il secondo dopoguerra.
Dopo aver riconquistato il potere cinque anni or sono, il Congresso ha gestito l’impetuosa cres...