Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 8
 
 


2009,
Numero 8

Da segretario di Togliatti al “Manifesto”

Una figura che aiuta a comprendere l’essenza del Pci
Ricordo di Massimo Caprara
di Ugo Finetti



L’eccezionalità di Massimo Caprara consiste nel fatto che è studiando la sua figura e i suoi scritti che si trovano le ragioni ideali sia del comunismo sia dell’anticomunismo.
Aveva solo ventidue anni quando Palmiro Togliatti lo convocò nel suo improvvisato domicilio napoletano appena rientrato da Mosca. Era il primo maggio 1944 e da allora Caprara seguì Togliatti per vent’anni affascinato da una personalità che rappresentava ai suoi occhi la più radicale ed innovativa rottura con un passato dell’Italia costellato da avvenimenti nefandi e figure compromesse. Dire che fu per tutto quel periodo solo “segretario particolare” del Migliore è però errato perché Caprara, dal ’44 fino alla morte di Togliatti a Yalta nell’agosto del ’64, ricoprì una molteplicità di incarichi elettivi e di partito a livello napoletano e nazionale (consigliere comunale a Napoli, sindaco di Portici, segretario regionale della Campania, deputato e quindi segretario del gruppo comunista di cui Togliatti era presidente).
Come è potuto diventare da “fedelissimo” un “eretico”? E’ l’itinerario che si consuma attraverso ruoli e battaglie che man mano lo portano sempre più ad avere di fronte non più avversari est...