Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 8
 
 


2009,
Numero 8

Informazione, la sfida del Web. Il digitale ha vinto ma non ucciderà i giornali

MediaIl commento dell’esperto dello IULM
di Stefano Rolando

Sta finendo la transizione dalle tipografie alle reti. Convergenza e innovazione obbligano ai grandi balzi.
Ma lobby e regole separate fanno dell’Italia un paese più consumatore che produttore. Un tema che, con i prossimi assetti delle Regioni potrebbe vedere tentate forme di sperimentazione politica su scala regionale.
La prima cattedra di Politiche pubbliche per le comunicazioni è stata costituita nell’ambito delle facoltà italiane di scienze delle comunicazioni all’Università IULM di Milano per l’anno accademico 2009-2010, come corso vincolato del terzo anno, riconoscendo che il dibattito e il negoziato su regole e andamenti economici di un complesso settore che si avvia a rappresentare la prima economia planetaria è un punto di confine per le scienze politiche, le scienze economiche e le scienze sociali che interagiscono nei corsi di laurea di comunicazione. Cattedra assegnata a Stefano Rolando, da anni professore allo IULM, che ha operato nel sistema di impresa e nelle istituzioni in molti ambiti di questo settore e che è tuttora membro del Consiglio superiore delle Comunicazioni, a cui abbiamo chiesto di fornire un’opinione su alcuni aspetti del dibattito sulla materia. (C...