Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 8
 
 


2009,
Numero 8

La Germania verso una Kleine Koalition. Merkel dall’SPD alla FDP?

Il voto alla fine di settembre
di Achille Lega

In un anno ad alto e incalzante tasso di ricorso alle urne - culminante il 27 settembre nel voto per il Bundestag - la Germania sembra avviata a passare dalla Grosse Koalition ad una piccola ma autosufficiente alleanza di governo. Non più l’accordo con il partito socialdemocratico, la Spd, in crisi anche di consensi, ma fra i due partiti democristiani (Csu bavarese e Cdu nazionale) e i liberali dell’Fdp.
Alla guida dell’operazione dovrebbe essere ancora una volta la Bundeskanzlerin Angela Merkel, numero uno oggi della Grande Coalizione in via di probabile disfacimento. Il segnale più significativo della separazione sta nel fatto che lo sfidante dichiarato per la Cancelleria, il ministro degli Esteri della Spd Frank-Walter Steinmeier, secondo i sondaggi non pare in grado di minare adeguatamente la tenace signora, che invece continua a piacere ai tedeschi.
Naturalmente il piano di Steinmeier prevedeva la sua sostituzione di Angela, alla testa però della medesima alleanza che ha governato per quattro anni. Lo “strappo” della candidatura alternativa e un certo logoramento dei rapporti fra le due forze politiche devono aver contribuito all’indebolimento se non del governo, della coalizi...