Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 9
 
 


2009,
Numero 9

“Note sul bilancio dell’economia nazionale”. Satalismo? No, il pericolo č il capitalismo assistito

di Leo Valiani

Fra pochi giorni, il Ministro del Tesoro dovrebbe presentare al Parlamento, oltre al Bilancio che compendia le entrate e le spese dello Stato, un vero e proprio bilancio dell’economia nazionale, nel quale figureranno dati ufficiali sul reddito, sugli investimenti, sui consumi, sull’occupazione di mano d’opera e cosě via. L’innovazione, che dovrebbe avere come suoi modelli l’Economie Survey, che il governo laburista pubblica anno per anno, e la relazione economica contenuta nel messaggio annuale di Truman al Congresso, č indubbiamente salutare. Alcune differenze, purtroppo inevitabili per il momento, tra il Bilancio economico italiano e quello dei paesi anglo-sassoni, saltano tuttavia agli occhi.
I dati inglesi ed americani sono ricavati da censimenti continuamente aggiornati ed esprimono dunque, effettivamente, la ripartizione dei redditi fra le varie categorie sociali e l’incremento annuo dei valori aggiunti della produzione industriale ed agricola. Ammessa l’inefficienza del nostro apparato fiscale, i dati sulla ripartizione dei redditi sono, in Italia, largamente congetturali, mentre i dati sul prodotto annuo dell’industria, dell’agricoltura e delle altre branche, sono una sint...