Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 9
 
 


2009,
Numero 9

“La politica della Banca d’Italia”. Il principio di indipendenza tra Il Tesoro e la Banca centrale

di Leo Valiani

Il governo democristiano ha affidato, via via, ad esponenti di interessi privati capitalistici la maggior parte delle leve di comando, centrali e periferiche, dell’economia pubblica. Per volontà di Luigi Einaudi, a governatore della Banca d’Italia è stato invece chiamato, due anni fa, un uomo sinceramente devoto all’interesse pubblico, l’allora direttore generale dell’Istituto di Emissione, Donato Menichella.
Il riconoscimento della grande probità della politica di Einaudi e di Menichella non esime, naturalmente, dai doveri e dai diritti della critica. In alcuni pochi, abbiamo criticato la politica della Banca d’Italia anche tra il 1945 e il 1947, quando essa riscuoteva – per motivi talvolta opposti e tal’altra concordanti – i plausi di coloro che oggi appuntano gli strali contro la direttiva dell’Istituto di Emissione. I motivi delle nostre osservazioni critiche sono di natura più generale.
Dopo la guerra, Einaudi e Menichella hanno voluto mantenere o restaurare la Banca d’Italia, e con essa l’intiero sistema bancario, in funzioni conformi all’ortodossia liberale, che aveva ripreso vigore precisamente sotto il fascismo, come reazione logica sia a quell’ondata di speculazioni fin...